16 maggio 2009 / 08:11 / tra 9 anni

Crisi: "Superato rischio apocalisse", dice Tremonti a stampa

ROMA (Reuters) - La crisi economica globale si sta fermando, nonostante ieri le stime dell‘Istat abbiamo indicato per il primo trimestre del 2009 un calo record del Pil del 5,9%. Lo dice il ministro dell‘Economia Giulio Tremonti in un‘intervista pubblicata oggi dal “Corriere della Sera”, sottolineando anche che “L‘Italia non ha il record del peggio”

<p>Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. REUTERS</p>

“Superato il rischio dell‘apocalisse, la crisi si è spostata dalla dimensione finanziaria al com­mercio internazionale, dove i volumi si sono abbattuti del 30 per cento. Una serie di indica­tori, se volete aneddotici, empirici, psicologici, sembrano dirci ora che il crollo si sta ferman­do”, dice il ministro.

Tremonti spiega che anche in Italia ci sono “indicatori di questo ti­po. C‘era stata per la prima volta una riduzione del traffico postale, e si è arrestata. Come si è fermato il calo del traffico autostradale e delle merci. Anche la caduta delle entrate fiscali, del­­l‘Iva, è in rallentamento. La dinamica non dice che andiamo bene, ma molto ci dice che la ca­duta si sta arrestando”.

Tremonti ha sottolineato che il deficit e il debito italiano “corrono meno rispetto all‘Europa”, e che “la Borsa recupera più delle altre, il differenziale con i titoli di Stato tedeschi si riduce”.

Anche se poi aggiunge che “fare previsioni è difficile”.

Il ministro ha detto che il governo sta lavorando all‘accelerazione dei pagamenti da parte dello Stato alle imprese, con l‘intervento diretto della Sace, Società pubblica di assicurazione dei crediti, e ha indicato in 30 miliardi di euro l‘arretrato dei pagamenti “quasi tutto concentrato nella sanità”.

Nell‘intervista,Tremonti ha parlato anche di riduzione di bonus e salari pubblici, affermando che il governo ha chiesto ai manager pubblici, a partire dalla Rai, “di autoridursi gli stipendi”, spiegando che “l‘etica spinge per la moderazione dei salari”. “Sembra che ci sia qualche consenso”, ha indicato il ministro, che però non ha parlato di misure coercitive in questo senso.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below