6 maggio 2009 / 10:45 / 9 anni fa

Auto Italia, Anfia vede immatricolazioni 2009 a 2-2,1 milioni

MILANO (Reuters) - Anfia, l‘associazione nazionale dei produttori di auto, vede immatricolazioni 2009 a 2-2,1 milioni di veicoli e ritiene che la quota di mercato Fiat al 35%, evidenziata in aprile, sia sostenibile per il resto dell‘anno.

<p>Auto Italia, Anfia vede immatricolazioni 2009 a 2-2,1 milioni. REUTERS/Phil Noble/Files</p>

“Prevediamo immatricolazioni intorno ai livelli dell‘anno scorso, sarebbe già ottimo avere un risultato di 2-2,1 milioni di veicoli, dovremmo arrivarci”, ha detto Guido Federico Rossignoli, direttore generale Anfia, a margine di un convegno.

Nel 2008 sono state immatricolate 2,16 milioni di auto.

Rossignoli ha aggiunto che ritiene “sostenibile” la quota di mercato Fiat al 35% anche perchè gli incentivi favoriscono l‘acquisto di auto ecologiche di piccole dimensioni di cui il gruppo torinese è leader.

Nel mese di aprile le immatricolazioni di auto in Italia sono calate del 7,53%, dopo il +0,24% di marzo, che era stato il primo rialzo da dicembre 2007. Il gruppo Fiat ha registrato un calo del 3% con un aumento della quota di mercato al 35,2% dal 32,6% di marzo e dal 33,5% di aprile 2008.

“La quota di mercato di Fiat al 35% dimostra che il gruppo, in termini di prodotti ecologici, è leader”, ha aggiunto.

L‘Anfia ritiene che gli incentivi andrebbero prorogati.

“E’ auspicabile almeno un‘uscita graduale”, ha detto Rossignoli. “Se si vogliono però dei risultati in termini di qualità dell‘aria, dovrebbero essere prorogati”.

Il direttore dell‘Anfia ha ricordato che gli incentivi porteranno conseguenze positive in termini di emissioni.

“Le emissioni medie di Co2 delle nuove auto immatricolate a marzo di quest‘anno sono pari a 138 grammi a fronte di quota 145 dello stesso periodo del 2008”, ha detto Rossignoli. “Si tratta di un risultato notevole, conseguenza degli incentivi per le auto ecologiche”.

A commento dei dati deboli delle immatricolazioni di aprile, Rossignoli ha detto: “Sicuramente gli incentivi stanno funzionando, non dimentichiamoci che prima il mercato viaggiava con ribassi superiori al 30%. Il problema è qualche rallentamento dal lato dell‘offerta, anche per il boom della domanda di auto a metano e a Gpl”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below