24 aprile 2009 / 15:20 / tra 9 anni

Borse Europa estendono rialzi con petrolio, banche

LONDRA (Reuters) - Le borse europee estendono i guadagni della mattinata con gli indici che salgono ad oltre due punti percentuali grazie al rally di Wall Street che favorisce gli acquisti di petroliferi e bancari.

<p>Immagine d'archivio. REUTERS/Johannes Eisele (GERMANY BUSINESS)</p>

I mercati trovano nuovo vigore dai dati Usa sulle vendite di nuove case che a marzo hanno registrato un calo, ma inferiore alle attese.

Anche il precedente dato statunitense sugli ordini di beni durevoli ha evidenziato una correzione ma di gran lunga più modesta delle previsioni degli analisti.

Nel comparto Oil europeo (Stoxx +4%), BP, Shell e Total segnano rialzi tra il 3,5% e il 5% sulla scia dei progressi del petrolio di oltre 1,5 dollari al barile sopra qota 51 dollari.

Tra i bancari si registrano guadagni tra il 2% e il 4,5% per UniCredit, Barclays e Fortis. L‘indice Stoxx del comparto è in rialzo del 2%.

Intorno alle 16,50 l‘indice paneuropeo FTSEurofirst 300 sale del 2% circa, mentre tra i singoli listini il Dax di Francoforte, il Cac 40 parigino e il Ftse 100 londinese salgono del 2,8%.

I titoli in evidenza oggi:

* CREDIT SUISSE prosegue tonica (+1,6%) anche se sotto i massimi di giornata all‘indomani dei risultati nettamente superiori alle attese, mentre oggi i principali azionisti dell‘istituto svizzero si dicono fiduciosi sul futuro della banca.

* BRITISH AIRWAYS è in calo dell‘1,6% sui dubbi del mercato per la fusione con la spagnola IBERIA, poco mossa. Fonti vicine all‘operazione e analisti sostengono che l‘incertezza sulle risorse finanziarie per il deal stia condizionando l‘andamento dei titoli e potrebbe anche ostacolare i piani di integrazione.

* Nel settore delle commodity XSTRATA domina l‘indice britannico Ftse 100 con un balzo del 13% sulla spinta dell‘upgrade sul settore di Cazenove che conferma Xstrata tra i suoi “best pick”. Bene anche BHP BILLIGTON

* In calo di oltre il 2% VOLVO, la filiale svedese di Ford che ha registrato una perdita operativa sopra le attese nei primi tre mesi dell‘anno e ha detto di aspettarsi che il suo mercato chiave in Europa si riduca di oltre la metà nel 2009 sul crollo della domanda. La capogruppo Ford in Usa sale tuttavia del 15%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below