2 aprile 2009 / 16:30 / tra 9 anni

Berlusconi: Italia non intende sforare ulteriormente deficit

<p>Il premier britannico Gordon Brown con il presidente Usa Barack Obama, il presidente cinese Hu Jintao e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi al G20 a Londra. REUTERS/Dylan Martinez</p>

LONDRA (Reuters) - L‘Italia non ha intenzione di sforare ulteriormente i propri deficit e debito che già sono previsti in aumento per via della congiuntura economica.

Lo ha detto il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, durante una conferenza stampa al termine dei lavori del G20 a Londra, rispondendo ad una domanda che chiedeva di precisare quanto detto il 31 marzo scorso.

“Nell‘interesse dei cittadini sposteremo alcune poste di spesa. Non abbiamo intenzione di sforare [il debito ed il deficit] perché già si sfora da solo”, ha detto Berlusconi.

L‘altro ieri Berlusconi aveva detto: “Non sarei spaventato se dovessimo aumentare deficit e debito per affrontare una spesa comunque provvisoria” per finanziare lo stato sociale.

“PEOPLE FIRST”

Berlusconi ha anche detto che la crisi non durerà per sempre ed uno stato sociale che voglia adempiere ad i suoi compiti deve occuparsi di coloro che perdono il lavoro per un anno, un anno e mezzo.

“Potremo distogliere investimenti in altre direzioni: people first. La crisi non durerà per sempre: in uno o un anno e mezzo uno stato sociale deve interessarsi dei suoi cittadini con ammortizzatori sociali aggiungendo altri capitali per far sì che partecipino a corsi di formazione”, ha detto Berlusconi.

LAVORO SU NUOVE REGOLE FINANZIARIE CONCLUSO AL G8

Berlusconi ha detto che il lavoro sulle nuove regole della finanza è stato iniziato dal G20 ma sarà concluso in occasione della riunione del G8 di luglio sotto la presidenza italiana.

“Al G20 è stato iniziato un lavoro sulla regolamentazione che spero troverà compimento a La Maddalena con un codice al quale stiamo lavorando e a cui tutti si sono dimostrati molto interessati”, ha detto Berlusconi.

“Puntiamo ad un vero e proprio codice che riguardi l‘agire di tutti i protagonisti del mondo della finanza e dell‘economia e che riguardi anche attività di vigilanza, istituzioni finanziarie mondiali non solo a livello internazionale ma anche nelle singole nazioni”, ha aggiunto.

Berlusconi, che insieme al ministro dell‘Economia Giulio Tremonti sostiene la necessità di definire nuovi standard internazionali sulla trasparenza e integrità dei mercati, ha più volte espresso l‘auspicio che questi nuovi codici, prima denominati “legal standard” e poi, dopo il G7 finanziario di Roma, allentati in “global standard”, possano vedere la luce in terra sarda.

Sempre al G8 si approfondirà il tema del round di Doha sul commercio internazionale per fissare la riunione nella quale prendere la decisione finale, ha aggiunto Berlusconi.

TERZA RIUNIONE G20 IN GIAPPONE ENTRO AUTUNNO

Il premier italiano ha aggiunto che entro l‘autunno si terrà in Giappone la terza riunione del G20.

“Ci sarà un‘altra riunione del G20 entro l‘autunno. Il capo del governo giapponese si è detto disposto a ospitare questa riunione e anche il presidente Usa [Barack Obama] ha poi visto con favore la possibilità che il terzo G20 si tenga in Giappone”, ha detto Berlusconi, spiegando che un terzo appuntamento è stato deciso perché “tutti hanno ritenuto che fosse necessario tenere sotto controllo la crisi e verificare se le misure prese hanno raggiunto risultati positivi o aggiungere altre misure a quelle prese”.

“La data fissata è per settembre”, ha precisato Berlusconi successivamente.

Nel corso di un‘altra conferenza stampa, sempre a conclusione del G20 di Londra, il presidente francese Nicolas Sarkozy ha detto che si è deciso di tenere la prossima riunione del G20 a settembre a New York.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below