31 marzo 2009 / 07:28 / 9 anni fa

Borsa Milano, rally con banche e auto, Fiat balza di oltre 10%

MILANO (Reuters) - Seduta di rimbalzo a Piazza Affari che sulla spinta di Fiat e bancari prova a far dimenticare lo scivolone della vigilia.

<p>Un operatore di borsa REUTERS/Toru Hanai</p>

I progressi delle borse europee e di Wall Street nel pomeriggio rafforzano i guadagni della prima parte della seduta, ma gli operatori rimangono cauti sul rally.

“La forte caduta di ieri ha messo in guardia molti operatori che si sono lasciati sorprendere dalla ripresa della volatilità”, osserva un trader.

“Adesso vogliono vedere un momento di stabilizzazione per sfruttare gli ampi spazi di recupero e mettere così da parte una gestione concentrata sui futures per riprendere lo stock picking”, osserva un trader.

Il Mibtel chiude in rialzo del 3,5%, l‘S&P/MIB del 3,97% e l‘Allstars del 2,85%. Volumi per un controvalore di 1,6 miliardi di euro circa.

* Gran rimbalzo per FIAT che ritorna sopra i 5 euro mentre l‘AD, Sergio Marchionne è volato in Usa per mettere a punto gli ultimi dettagli dell‘intesa con Chrysler dopo l‘ok di Washington ieri. Il titolo chiude in rialzo del 10,3% a 5,27 euro a fronte dell‘indice Stoxx del comparto europeo in leggero rialzo.

Superati i timori della vigilia, il mercato si sente tranquillo sull‘impegno finanziario della casa torinese per l‘intesa con Detroit.

“C‘erano timori sulla partecipazione di Fiat al debito di Chrysler, nonostante le rassicurazioni (della casa torinese). Adesso sembra chiarito il fatto che per Fiat l‘esposizione come quota iniziale sia limitata al 20% per poi salire progressivamento fino a quando Chrylser non avrà ripagato tutti i fondi ricevuti dallo stato”, commenta un‘operatrice.

Inoltre, prosegue l‘operatrice, “le parole di elogio di Obama sulla Fiat sono state una enorme pubblicità gratis”.

* Riscatto delle banche e in particolare di BANCO POPOLARE (+12,16%) e UNICREDIT (+8,28%). Tra le big del credito, partecipano al rimbalzo anche INTESA SANPAOLO e MPS con guadagni nell‘ordine del 5%.

Tra le piccole CREDEM balza dei oltre il 9% in un mercato che apprezza la solidità patrimoniale nonostante i conti 2008 negativi e l‘assenza di dividendo. Il flottante è molto limitato e questo favorisce ampi movimentio del titolo, ricorda un trader.

* Tra i finanziari tiene GENERALI a +0,9% nonostante il taglio del rating da parte di Standard & Poor‘s.

* Tra gli editoriali da segnalare il balzo di L‘ESPRESSO a +10,8% anche se nelle sale operative non indicano particolari motivi. Sul fronte opposto MONDADORI è in calo dello 0,5%.

* Nell‘S&P/MIB acquisti tra alcuni industriali come IMPREGILO (+5,8%) che ha annunciato la partecipazione con il 40% alla realizzazione di un impianto idroelettrico in Sudafrica. Bene anche PIRELLI.

* TISCALI vola a +12,3% dopo aver dichiarato ieri in serata che non studia aumenti di capitale.

* SEAT, molto volatile, chiude in rialzo del 15,8% a 0,70 euro. Il valore del titolo resta tuttavia disallineato rispetto a quello dei diritti legati all‘aumento di capitale partito. Il rialzo è spiegabile con “pochi acquisti e mancanza assoluta di venditori”, secondo un trader.

* IPI sale dell‘11,5% a 1,288 leggermente sotto il prezzo dell‘opa a 1,3 euro proposta da INTERMOBILIARE.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below