25 marzo 2009 / 16:21 / 9 anni fa

Banche, protocollo Tremonti bond: impegni per credito a Pmi

<p>Euro in monete. REUTERS/Sergio Perez</p>

ROMA (Reuters) - E’ stato pubblicato sul sito del ministero dell‘Economia il protocollo, lungamente atteso, che le banche che emetteranno Tremonti Bond si impegnano a rispettare.

Si tratta di un accordo quadro in cui “si definiscono le linee guida per la definizione dei singoli protocolli di intenti che saranno stipulati con l‘emittente e dei codici etici”.

Nella premessa si sottolinea come il flusso di nuovi finanziamenti al sistema non sia stato mai interrotto dalle banche, al contrario “le banche hanno continuato a sostenere il sistema imprese attraverso la concessione di credito”.

Negli ultimi 12 mesi, si legge nel documento, si è registrato un flusso di nuovi finanziamenti all‘economia pari a 45 miliardi di euro, con un incremento su base annua intorno al 3%.

Per sostenere l‘economia, le banche che utilizzeranno queste obbligazioni - che verranno sottoscritte dal Tesoro - si impegnano a “mettere a disposizione delle piccole e medie imprese per il prossimo triennio risorse finanziarie non in decremento, anche ai fini della ristrutturazione del debito, rispetto a quanto mediamente registrato nell‘ultimo biennio”.

Questo avverrà “a fronte di una corrispondente domanda e mantenendo, nel rispetto del principio di una sana e prudente gestione bancaria, un‘adeguata qualità del credito”. Il valore di questo impegno sarà determinato nell‘ambito di ciascun protocollo con ogni banca emittente.

Le banche destineranno, secondo il protocollo Abi/Mef, l‘1,5% dell‘importo complessivo degli strumenti finanziari emessi alla dotazione del fondo di garanzia per le Pmi.

I dati aggregati sul rispetto degli impegni del protocollo sarà fornito dalle banche su base trimestrale e direttamente al ministero dell‘Economia.

Infine, come previsto dalla legge, le banche che adotteranno questi strumenti si impegnano a rispettare un codice etico che chiede “criteri di eticità e trasparenza” per le remunerazioni dei vertici aziendali, compresi i benefit, “nel quadro delle istruzioni fornite al riguardo dall‘Autorità di vigilanza”.

Ciascuna banca si impegna a perseguire “politiche dei dividendi coerenti con un adeguato livello di patrimonializzazione”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below