17 marzo 2009 / 08:39 / tra 9 anni

Borsa Milano in lieve calo sopra minimi, giù Italcementi e lusso

MILANO (Reuters) - Seduta di pausa a Piazza Affari, così come sulle altre borse europee, dopo gli ultimi rialzi.

<p>Alcuni operatori al lavoro. REUTERS/Brendan McDermid</p>

Il listino milanese chiude in calo sopra i minimi di seduta aiutata nel pomeriggio dal recupero di Wall Street anche se con un Dow Jones poco ispirato, in una giornata scarsa di idee dove hanno prevalso i movimenti tecnici, dicono i trader.

“L‘andamento a Wall Street del Dow Jones oggi non aiuta. Sui mercati c’è bisogno di maggiore respiro, bisognerebbe salire ancora un po’ per cercare di invertire il trend”, commenta un trader.

L‘indice S&P/Mib chiude in calo dello 0,54%, il Mibtel dello 0,6%, sopra i minimi di seduta. Tiene l‘indice AllStars (+0,11%). I volumi attorno a 1,5 miliardi di euro.

* Cementieri a doppia velocità con ITALCEMENTI in calo del 5,1% appesantito dalla bocciatura a “sell” di Goldman Sachs, mentre BUZZI UNICEM a +5% dopo che la casa d‘affari ha confermato il giudizio “neutral”, con target price ridotti per entrambi i titoli.

Per Buzzi “è un rimbalzo dettato dai flussi. Sembrano finiti i flussi in vendita dei giorni scorsi”, dice un trader ricordando che ieri dalle comunicazioni delle Consob è emerso che un fondo ha ridotto la propria quota sotto la soglia 2%.

* Vendite sul lusso con BULGARI particolarmente pesante con una flessione del 5,2% dopo le dimissioni del Cfo comunicate ieri. GEOX e LUXOTTICA cedono entrambi il 2,8% circa.

* Contrastato il comparto dei bancari. Spicca il calo del 2,76% di UBI dopo la lettera della vigilia mentre il mercato continua a scommettere sull‘ipotesi di una futura aggregazione con BANCO POPOLARE nonostante le numerose smentite. “Il mercato sembra crederci. Non vedo altri motivi per il movimento di Ubi”, dice un trader.

In parziale recupero l‘istituto veronese (+1,7%) dopo lo scivolone della vigilia in scia all‘operazione BANCA ITALEASE.

Dopo che il Banco Popolare ha rotto il ghiaccio, nei prossimi giorni, in occasione dei vari cda sui conti, si dovrebbero conoscere le intenzioni delle banche in merito ai Tremonti bond. Prima in ordine di tempo UNICREDIT che renderà note domattina le decisioni del Cda odierno. Dopo aver raggiunto intraday quota 1 euro il titolo di Piazza Cordusio ha chiuso con un lieve rialzo dello 0,26% a 0,968 euro.

* Debole INTESA SANPAOLO (-0,89%) mentre tra i maggiori rialzi MEDIOBANCA (+2%) e POP MILANO (+1,4%). Poco mosso lo Stoxx settoriale.

* Denaro su alcuni assicurativi. Bene FONDIARIA-SAI (+2,5%) e GENERALI (+0,9%). Secondo un operatore, il mercato ragiona sull‘entità o meno dei dividendi che verranno comunicati a giorni con i risultati.

* Confermano il recupero SEAT PAGINE GIALLE (+2,13%) e ATLANTIA (+2%) già forti alla vigilia.

* Nell‘energia balza del 2,5% SNAM mentre ENEL scende dell‘1,2%.

La Consob ha rivisto alla fine della settimana scorsa il regime restrittivo sulle vendite allo scoperto per le società oggetto di aumento di capitale, applicandolo a partire dal giorno successivo a quello in cui l‘operazione è stata approvata dal Cda (in precedenza partiva dalla giorno successivo alla delibera assembleare)

Di conseguenza da oggi, le operazioni di aumento di capitale approvate dai consigli di Enel e Snam (l‘11 marzo e 12 febbraio rispettivamente) “sono soggette al regime più restrittivo di divieto di vendite allo scoperto” ha scritto ieri la Consob sul sito.

* Fuori dall‘indice S&P/Mib, RCS sale dell‘1,5%. Domani è in agenda il Cda sui risultati mentre come confermato da fonti vicine alla situazione è stata annullata la prevista riunione del patto di sindacato.

* TISCALI balza del 19,7%. “E’ un rimbalzo dopo il massacro dei giorni scorsi”, si limita a commentare un trader.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below