6 marzo 2009 / 08:20 / tra 9 anni

Non realistico default in Paese zona euro, dice Bini Smaghi

ROMA (Reuters) - L‘ipotesi che un Paese della zona euro dichiari il default del proprio debito non è una ipotesi realistica. Lo ha detto Lorenzo Bini Smaghi, membro del consiglio direttivo della Bce, nel corso di una intervista televisiva su Canale 5 a Panorama del Giorno.

<p>Il membro del board della Bce Lorenzo Bini Smaghi (a destra) e il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi (a sinistra) La foto &egrave; del febbraio 2006. REUTERS/Kai Pfaffenbach</p>

“No, no, non c’è, mi sembra un‘ipotesi più giornalistica che realistica”, ha risposto Bini Smaghi al giornalista che chiedeva se sia vero che c’è la possibilità che un paese della zona euro possa dichiarare default.

Piuttosto Bini Smaghi auspica che venga attuato, caso per caso, il sostegno della zona euro ai Paesi dell‘est in difficoltà e che non esiste, anzi è una schiocchezza, l‘ipotesi che queste difficoltà possano far esplodere la zona euro.

“I paesi dell‘est sono in difficolta’ perchè non sono nell‘euro, lo scioglimento dell‘euro è una sciocchezza”, ha detto Bini Smaghi.

“L‘Europa deve definire un quadro di aiuti per questi paesi e deve essere caso per caso perchè non tutti sono nella stessa situazione”, ha aggiunto l‘esponente della Bce.

NON C‘E’ ASPETTATIVA CALO PREZZI PER DUE-TRE ANNI DI SEGUITO

Bini ha anche escluso la possibilità di una deflazione, “non è oggi una ipotesi realistica”, ha detto.

Ieri il presidente della Bce Jean Claude Trichet ha detto che i tassi di inflazione sono “visti in ulteriore declino nei prossimi mesi, possibilmente raggiungendo temporaneamete livelli negativi verso metà anno. Dopo l‘inflazione è vista risalire di nuovo”.

Bini Smaghi spiega oggi che parlare di deflazione, cioè una riduzione dei prezzi che porta a ritardare i consumi sulle attese di ulteriori cali futuri, non è realistico.

“Se guardiamo a tutti gli indicatori sui mercati finanziari e ai comportamenti degli operatori non c’è aspettativa di una riduzione prezzi per due o tre anni di seguito. Dunque non è una ipotesi realistica”, ha detto.

2009 NEGATIVO MA FORSE MENO DEL QUARTO TRIMESTRE 2008

Il punto peggiore della crisi, ha detto Bini Smaghi, è stato quello a cavallo tra la fine del 2008 e l‘inizio del 2009 confermando che la Bce vede una ripresa nel corso del 2010.

Ieri lo staff della Banca centrale europea ha dato nuovi scenari di previsione, fortemente peggiorati, per la congiuntura della zona euro. Il Pil è visto in calo nel 2009 tra il -3,2% e il -2,2% (erano tra -1% e zero in dicembre) mentre il 2010 è visto tra -0,7% e +0,7% (da 0,5-1,5% in dicembre).

“Questa è la nostra prima previsione che tiene conto dell‘ultimo trimestre del 2008 che è stato molto peggiore del previsto e questo trascina giù tutta la previsione per il 2009 e per parte del 2010”, ha detto Bini Smaghi, spiegando il pessimismo della banca centrale europea.

“Noi prevediamo una ripresa nel corso del 2010. Dunque tutto il 2009 sarà negativo ma meno negativo forse dell‘ultimo trimestre del 2008”, ha aggiunto.

Il consigliere della Bce ha anche detto che la banca centrale sta studiando nuove misure non convenzionali contro la crisi, dopo gli interventi già presi.

“[Misure non convenzionali] le stiamo già prendendo perché stiamo dando finanziamenti alle banche a tasso fisso per un periodo molto lungo, abbiamo allungato questo periodo”, ha detto.

“La banca centrale ha preso nel bilancio circa 600 miliardi di rischi in più, che è circa il 6% del Pil europeo. Già siamo in una situazione in cui le nostre misure di politica monetaria sono diverse rispetto al passato e stiamo guardando anche ad altre misure per vedere se possiamo intervenire su altri mercati”, ha aggiunto. E in risposta a una domanda sui tempi di queste nuove misure, se saranno ravvicinati, ha detto: “Dobbiamo ancora deciderlo, non escludiamo niente”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below