25 febbraio 2009 / 08:23 / 9 anni fa

Borsa chiude negativa, pesanti Telecom, Unipol, Pop Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in calo dopo essere scivolata in negativo in scia a un dato sul mercato immobiliare Usa decisamente peggiore delle attese.

<p>L'esterno della Borsa di Milano, immagine d'archivio. REUTERS/Stefano Rellandini ( ITALY )</p>

Partita positiva, la borsa milanese ha perso slancio nel corso della mattinata arrivando a metà seduta piatta per poi peggiorare nel pomeriggio e giungere a cedere oltre il 2%.

Assicurativi e alcune popolari tra i peggiori del listino che vede invece in testa alcuni titoli delle costruzioni e L‘ESPRESSO (+6,6%) che ha annunciato di aver chiuso il 2008 con un utile di 20,6 milioni. Confermata la cancellazione del dividendo 2008.

L‘indice S&P/Mib ha chiuso in calo dell‘1,4% a 15.218 punti, il Mibtel a -0,95%. L‘AllStars invece a +0,38%. Volumi a 1,6 miliardi.

“Il mercato ha iniziato a peggiorare dopo le quattro, con il dato americano sulle case”, commenta un trader.

Visto in lieve aumento dagli analisti, il tasso annuo di vendita di case esistenti negli Usa è sceso del 5% toccando i minimi dal luglio 1997.

* Debole TELECOM (-4,8%) che secondo un operatore risente di “timori di un taglio drastico del dividendo” all‘avvicinarsi del cda del 27 febbraio, in cui la società ha preannunciato verrà presa una decisione.

* UNIPOL continua a soffrire delle voci di uscita dell‘AD, Carlo Salvatori, che secondo indiscrezioni potrebbe assumere la presidenza di POPOLARE MILANO. Il titolo della compagnia bolognese ha ceduto il 7,4% dopo il -7% di ieri con volumi a oltre due volte la media.

* Debole anche la banca milanese (-5,6%) e sempre con volumi più che doppi rispetto alla media. Un operatore parla di un significativo ordine di vendita da parte di una casa estera e di vendite di “un paio di fondi”.

* Cede il 5,2% BANCO POPOLARE con un operatore che si sorprende del silenzio del management di fronte alla flessione del titolo.

* Penalizzati anche altri assicurativi con il comparto che in Europa cede l‘1,6%: -6,2% per ALLEANZA, -5,2% per FONDIARIA SAI e -3,9% per GENERALI. Per ALLEANZA e GENERALI continua l‘adeguamento al concambio previsto dal progetto di fusione. Tagli di target price oggi su entrambe da parte di vari broker.

* Ben comprate le costruzioni con IMPREGILO a 2,025 euro (+4%) alla vigilia dei risultati preliminari. Più 4,43% per ITALCEMENTI dopo le dichiarazioni del ministro Altero Matteoli sulle tempistiche del Ponte sullo Stretto e altre infrastrutture.

* Tra i bancari si sottraggono alla lettera che ha prevalso nella seconda metà della seduta INTESA SANPAOLO (+0,43%) e MEDIOBANCA, piatta. Il Tesoro ha firmato oggi il decreto sui cosiddetti Tremonti-bond, su cui le banche pagheranno una cedola iniziale del 7,5-8,5%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below