24 febbraio 2009 / 14:30 / tra 9 anni

Borse Europa, finanziari e auto trascinano indici in ribasso

FRANCOFORTE (Reuters) - Le borse europee 
proseguono in deciso ribasso nel pomeriggio in vista dell'avvio 
negativo di Wall Street e in Asia sui persistenti timori sullo 
stato di salute del settore finanziario e con i dati economici 
che stanno colpendo in modo particolare il settore dell'auto.
Intorno alle 15,00 il FTSEurofirst 300 cede l'1,5% 
mentre, tra i singoli listini, l'inglese Ftse 100 
arretra dell'1,2%, il tedesco Dax dell'1,53% e il 
francese Cac 40 dello 0,8%.
L'indice, in calo per la nona volta in undici sedute, ha 
perso circa il 13,5% nell'anno a fronte di un calo del 17,5% del 
benchmark Usa S&P'500 che ha ieri perso il 3,5%.
"Non ci sono notizie positive e quindi nessuna ragione per 
comprare azioni", sintetizza un trader.
Non ha convinto la possibilità di un'acquisizione del 
governo Usa di una quota del 40% nel colosso bancario Citigroup, mentre emerge la notizia che Aig sarebbe in 
trattativa per avere ulteriori aiuti statali dopo aver già 
beneficiato di due salvataggi governativi.
Maglia nera oggi ai minerari, colpiti dal calo dei prezzi 
delle materie prime, seguiti a ruota da titoli auto, 
assicurativi e tecnologici.
Tra i titoli in evidenza:
* Sul fronte dei farmaceutici perde oltre il 37% BASILEA 
PHARMA su una perdita netta di 143,5 milioni di franchi 
svizzeri e dopo aver intentato una causa contro l'americana 
Johnson & Johnson per il ritardo della messa in commercio del 
farmaco Ceftobiprole/Zevtera.
* Tra i titoli auto è pesante BMW, in calo di 
oltre il 5% dopo il declassamento di Morgan Stanley a 
"underweight" da "overweight" per l'incertezza del settore e le 
deboli prospettive a breve termine, a fronte di inadeguati 
sforzi di ristrutturazione. Daimler cede il 5%.
* Non accennano a vedere la fine del tunnel i problemi di 
UBS con il fisco Usa, spingendo la banca elvetica in 
ribasso del 3,8%. Stamane il New York Times ha rivelato che 
l'istituto svizzero, precipitato in questi giorni a minimi 
storici, potrebbe andare incontro a un mini processo a luglio in 
relazione al tentativo di mantenere il segreto su 52.000 clienti 
americani sospettati di evasione fiscale.
* Il gruppo olandese Ing perde il 20% penalizzato 
dall'eventualità che l'agenzia di rating Standard & Poor's possa 
ridurre i rating per alcune compagnie di assicurazioni.
* AXA è in calo di oltre il 5%. A pesare sul 
titolo i timori sul bilancio del gruppo e le attese per un 
aumento di capitale.
* Tra gli assicurativi è pesante IRISH LIFE, a 
-26,3%, sullo scandalo scoppiato per i presunti fondi trasferiti 
a Anglo Irish Bank per un valore di 7,45 miliardi di euro, e 
utilizzati, secondo l'accusa, per mascherare un calo di 10 
miliardi dei depositi della banca.
* La leader tedesca del fotovoltaico Q-CELLS sale 
dell'1,7% sulla scia di risultati nel 2008 al di sopra delle 
attese degli analisti. La società ha tuttavia rivisto per la 
seconda volta da dicembre le previsioni sulle vendite.
* Il terzo maggiore produttore di platino LONMIN 
arretra del 5% circa nonostante il raggiungimento di un accordo 
con il sindacato dei lavoratori sul taglio di 5.500 posti di 
lavoro.

<p>Borse Europa, finanziari e auto trascinano indici in ribasso. REUTERS/Denis Sinyakov</p>
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below