19 febbraio 2009 / 12:02 / 9 anni fa

Italia-Francia, vertice martedì avrà focus su G8 ed energia

di Giselda Vagnoni

<p>Il presidente del Consiglio Silvio berlusconi e il presidente francese Nicolas Sarkozy. REUTERS/Charles Platiau (FRANCE)</p>

ROMA (Reuters) - Il nuovo vertice tra Italia e Francia di martedì prossimo a Villa Madama avrà come temi principali il G8, di cui l‘Italia è presidente di turno, e l‘energia mentre non sono previsti al momento approfondimenti particolari del dossier auto.

E’ quanto riferiscono fonti italiane vicine all‘organizzazione dell‘incontro avvertendo che i dossier sono ancora in via di definizione.

A Silvio Berlusconi e Nicolas Sarkozy, in una sessione dedicata, saranno illustrati poi i risultati del IV foro di dialogo italo-francese -- presieduto dal vice presidente della Fiat John Elkann per la parte italiana e dal presidente di Assicurazioni Generali Antoine Bernheim per i francesi -- su banca e impresa, questioni energetiche e ambientali.

“Tra i temi internazionali direi che il dossier principale è la proposta italiana di rafforzare il dialogo tra i Paesi del G8 e Brasile, Cina, India, Messico e Sudafrica e coinvolgere anche l‘Egitto”, spiega una fonte governativa. “Tra i temi bilaterali la collaborazione nel settore dell‘energia nucleare”.

Berlusconi e Sarkozy saranno accompagnati dai rispettivi ministri di Esteri, Difesa, Economia, Industria, Trasporti, Istruzione, Beni Culturali e Politiche europee e illustreranno i risultati dell‘incontro in una conferenza stampa prevista prima di pranzo.

Ieri il ministro Claudio Scajola ha detto che l‘Italia si vuole battere a livello europeo contro distorsioni nel mercato dell‘auto che potrebbero derivare dalle recenti misure francesi di finanziamento diretto alle imprese transalpine.

Una fonte ministeriale nega però che gli aiuti all‘auto siano un punto all‘ordine del giorno anche se ritiene del tutto possibile che siano oggetto di possibili scambi di opinione.

Del tutto probabile che i due leader parlino anche del G20, di cui entrambi fanno parte e li vedrà impegnati il 2 aprile a Londra per cercare di dare risposte globali alla crisi partita dai mutui subprime americani e che sta colpendo l‘economia.

Berlusconi e il presidente del G20 Gordon Brown hanno detto di essere d‘accordo perché a Londra si sottoscriva una carta dei principi per la regolamentazione e supervisione finanziaria mentre il vertice del G8 della Maddalena sarà l‘occasione per l‘adozione di un sistema condiviso di principi e regole comuni sulla correttezza, integrità e trasparenza delle attività economiche e finanziarie internazionali. Insomma il legal standard di Giulio Tremonti poi diventato global standard nel G7 della settimana scorsa a Roma.

Tra gli imprenditori, manager e banchieri che partecipano al Foro Italo-Francese, l‘amministratore delegato di Enel Fulvio Conti e il presidente di Electricité de France Pierre Gadonneix che hanno siglato nel 2008 un accordo che consente al gruppo italiano di partecipare alla costruzione delle centrali nucleari di nuova generazione.

Nella lista anche il presidente di Alitalia Roberto Colaninno e il presidente di Air France-Klm Jean Cyril Spinetta reduci da una lunga trattativa che ha portato il gruppo francese ad entrare nel capitale del vettore italiano risanato con il 25%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below