27 gennaio 2009 / 12:24 / tra 9 anni

Richieste brevetti: Italia al quart'ultimo posto tra Paesi G9

MILANO (Reuters) - Nonostante in Italia negli ultimi anni il numero degli “Archimede” sia aumentato, tra i Paesi del G9 il nostro si piazza al quart‘ultimo posto per le domande di brevetto presentate dal 1999 al 2006, superato in Europa da Francia e Gran Bretagna e globalmente dagli Stati Uniti che conquistano il primo posto.

A dirlo è una ricerca condotta dall‘Osservatorio Unioncamere per brevetti e marchi, realizzata prendendo in considerazione i dati pubblicati dall‘European Patent Office (Epo), l‘organismo di registrazione dei brevetti europeo.

Nonostante una crescita media annua del 4,9% -- superiore a quella dei Paesi europei del G9 come Francia (+4%) e Gran Bretagna (+2,7%) -- nella classifica delle richieste di brevetto presentate all‘Epo, l‘Italia si colloca al sesto posto dopo Usa, Germania, Giappone, Francia e Gran Bretagna e prima di Canada, Cina e Russia.

“Delle 846.955 domande di brevetto pubblicate dall‘Epo tra il 1999 ed il 2006, 27.616 sono quelle italiane, cresciute in media annua del 4,9%”, si legge in una nota diffusa da Unioncamere.

St Microelectronics, Centro Ricerche Fiat, G.D. Spa, Pirelli Pneumatici, Pirelli Cavi e Sistemi, Telecom Italia, Fiat Auto, Ausimont, Sigma Tau, Danieli &C. Officine Meccaniche sono le aziende italiane che negli ultimi sette anni hanno depositato il maggior numero di brevetti europei: oltre 3.000 domande cioè l‘11,4% del totale.

Tra i Paesi del G9, l‘Italia primeggia soprattutto nei settori delle “‘macchine meccaniche, motori e componentistica meccanica’, con punte di specializzazione tecnologica elevate per quanto riguarda gli apparecchi per lavorazioni, quelli per la lavorazione di fibre e carta e i prodotti per le costruzioni”, si legge nella nota.

Più contenuto invece l‘apporto italiano per i brevetti nel settore chimico, dell‘elettronica e dell‘informatica, nei quali i campioni sono rispettivamente Russia e Giappone, Cina e Canada.

In particolare in Italia, il maggior numero di “Archimede” abita nelle regioni del Nord dato che dal 1999 al 2006 l‘82% del totale dei brevetti proviene delle regioni settentrionali.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below