21 gennaio 2009 / 14:45 / 9 anni fa

Alitalia, Bonomi: Sea valuta compatibilità con piano Cai

<p>Alitalia, Bonomi: Sea valuta compatibilit&agrave; con piano Cai. REUTERS/Alessandro Bianchi</p>

MILANO (Reuters) - Il presidente della Sea Giuseppe Bonomi ha detto oggi che la società che gestisce gli scali milanese sta valutando la compatibilità del suo piano industriale con quello della nuova Alitalia, che è in costante evoluzione “giorno dopo giorno”.

“Quando capiremo meglio com’è il loro progetto potremo correlarlo col nostro piano industriale e vedremo se sarà possibile fare qualcosa insieme”, ha detto oggi Bonomi a margine della presentazione del nuovo programma tv “Malpensa Italia”, che andrà in onda dallo scalo varesino.

“Il piano industriale di Cai è in costante fase di aggiornamento e sta cambiando giorno dopo giorno. E’ un progetto che merita grandissima attenzione e che noi stiamo valutando dal punto di vista industriale”, ha sottolineato, aggiungendo che ci vorranno tra i tre e i cinque anni perché a Malpensa possa riprendere il suo percorso di sviluppo.

Bonomi ha precisato che Malpensa sta affrontando una situazione di crisi “esogena, causata da uno scellerato piano di parte del management di Alitalia che oggi Cai ha ereditato”.

Sea ha intentato lo scorso febbraio una causa per un risarcimento da 1,25 miliardi di euro contro Alitalia per aver ridotto il ruolo di Malpensa come hub.

Per quando riguarda Linate, che rischia un ridimensionamento nel nuovo progetto Alitalia, Bonomi ha sottolineato che “non possono decidere né Cai né Sea, ma è il governo centrale che deve fare una scelta in accordo con gli imprenditori del nord, a mio avviso, previo consulto della Regione, come prevede la modifica del titolo V della Costituzione”.

Secondo Bonomi, poi, è stata sottovalutata “la vera novità del trasporto aereo internazionale”, ossia il lancio della nuova compagnia Lufthansa Italia che volerà da Malpensa verso otto destinazioni europee da marzo.

“La novità è che una grande compagnia come Lufthansa abbia deciso di costituire un‘altra compagnia, in un altro paese, in questo caso il nostro, usando il suo brand e basandosi su Malpensa in forza di un accordo di partnership con Sea”.

“Negli ultimi 40 anni non c’è stato nulla di analogo. E’ evidente che questa prospettiva seria di sviluppo andrà a regime a medio termine”.

Bonomi ha poi ricordato che il piano industriale di Sea prevede “due fasi da qui all‘Expo”.

“La prima, che noi chiamiamo di sofferenza, è quella che abbiamo già cominciato ad affrontare nel marzo 2008 e che è tutt‘ora in atto, e una seconda che sarà di sviluppo”, ma per la quale occorreranno alcuni anni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below