7 gennaio 2009 / 10:42 / tra 9 anni

Alitalia, vicina intesa Air France; vertici Cai a Chigi

PARIGI/ROMA (Reuters) - Air France-KLM è vicina a chiudere l‘accordo per rilevare una quota di Alitalia, secondo due fonti vicine all‘operazione.

<p>Un jet Alitalia decolla da Fiumicino. REUTERS/Chris Helgren</p>

Roberto Colaninno, presidente dei nuovi proprietari di Alitalia, si è già recato stamattina nella sede del governo per incontrare il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e un nuovo faccia a faccia si è tenuto in serata allargato all‘amministratore delegato Rocco Sabelli e a Gaetano Micciché, responsabile corporate di Intesa SanPaolo.

A Palazzo Chigi era presente anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Una seconda fonte vicina alla trattativa ha detto che l‘accordo con Air France-KLM è “quasi chiuso” ed entrambe le parti terranno i rispettivi consigli di amministrazione venerdì per firmare l‘intesa.

A meno di sorprese, Air France dovrebbe quindi battere la concorrenza di Lufthansa che pure aveva incassato il sostegno del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

In ogni caso le trattative vanno avanti e “nulla è stato ancora firmato”, ha detto una fonte chiedendo l‘anonimato.

L‘atteso incontro tra Berlusconi e il capo della Lega Nord Umberto Bossi, previsto per l‘ora di pranzo di oggi a Roma, è slittato a causa della neve nel Nord Italia. I due dovrebbero vedersi domani. Ma già stasera alla Camera, in occasione del voto di fiducia sul dl sull‘Università, potrebbe esserci un abboccamento.

La Lega ha da tempo mostrato di favorire Lufthansa nella speranza che il vettore tedesco possa restituire all‘hub di Malpensa il ruolo principale all‘interno della nuova rete di Alitalia, salvando così posti di lavoro nella regione.

L‘idea è che Bossi voglia ottenere una completa liberalizzazione degli slot e la sicurezza che nelle eventuali intese fra Air France-Klm e Alitalia non ci siano limitazioni alla concessione di slot e nuove rotte.

Decisioni che consentirebbero di garantire libertà di manovra a Malpensa nel caso in cui la nuova Alitalia sposata ad Air France-Klm mantenga la sua base su Roma.

Nella primavera del 2008, per impedire il matrimonio fra Alitalia e Air France-Klm allora in corso, Berlusconi parlò di accordi segreti che avrebbero di fatto consegnato ai francesi il diritto di decidere in merito agli slot da dare ad eventuali concorrenti.

Da mesi Air France e Lufthansa gareggiano per una quota del 25% circa nella nuova società, nata dalle ceneri di Alitalia.

Secondo la stampa la quota potrebbe essere valutata fino a 300 milioni di euro, quindi più dei 250 milioni originariamente ipotizzati.

Nella notte fra il 12 e il 13 gennaio è previsto il passaggio al comando di Alitalia dal commissario straordinario, Augusto Frantozzi, alla nuova Alitalia, integrata con Air One.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below