30 dicembre 2008 / 10:16 / tra 9 anni

Istat, prezzi produzione novembre -1,6% su mese, record da 1980

MILANO/ROMA (Reuters) - I prezzi alla produzione italiani hanno visto a novembre una contrazione dell‘1,6% su ottobre e una crescita di 2,3% su base tendenziale.

<p>LA produzione di euro REUTERS/HO/Bundesdruckerei GmbH</p>

Il dato sorprende gli analisti, che si aspettavano un -1,2% su mese e un +2,9% su anno.

A livello congiunturale è il calo più marcato dal 1980 almeno e si confronta con il -1,5% di ottobre; in termini tendenziali, poi, il dato mostra un netto rallentamento rispetto al precedente +5,1% (rivisto da +5,2%).

Al netto delle componenti prodotti petroliferi, energia elettrica, gas e acqua le variazioni sarebbero state del -0,7% su mese e del +2% su anno.

“(Su mese) è un calo drammatico, non so come altro definirlo”, dice Luigi Speranza di Bnp Paribas.

“Deriva in massima parte dalla componente energetica ma al di là di questa bisogna sottolineare anche il rallentamento dei beni di consumo e di investimento, abbastanza significativo soprattutto a livello tendenziale”, dice l‘economista.

Al ribasso delle materie prime tuttora in corso, spiega, “corrisponde un calo della domanda destinato a riflettersi, con il classico ritardo, sui prezzi di output”.

Per i prossimi mesi Speranza si aspetta un “rallentamento graduale” dei prezzi al consumo ‘core’ e uno “più marcato” dell‘intero indice dei prezzi al consumo, “influenzati in modo cruciale dalle componenti energetica ed alimentare”.

Le stime Bnp per l‘inflazione media annua 2009, tuttavia, “non cambiano sostanzialmente” e “dovrebbero restare” dello 0,7%.

Mirko Porciatti di MPS Capital Service definisce il dato “veramente negativo, attribuibile in massima parte alle commodities: prezzi del greggio, del carbone e dei metalli industriali”.

Con un ritardo di qualche mese, dice l‘economista, “questi cali si scaricheranno sui prezzi al consumo e in Italia assisteremo ad un rallentamento molto marcato dei prezzi”.

Per il 2009 Mps vede una inflazione media annua dello 0,6% “ma non è esclusa una revisione al ribasso, anche alla luce di questo dato”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below