15 dicembre 2008 / 15:47 / 9 anni fa

Crisi, Cer vede due anni di contrazione, debito sale fino a 2011

ROMA (Reuters) - Nelle nuove previsioni del Cer, il Pil dovrebbe registrare una diminuzione dello 0,5% nel 2008 e dello 0,9% nel 2009.

La stima del prossimo anno tiene anche conto di un effetto del decreto anticrisi positivo per un decimo di punto percentuale.

“Per la prima volta dal dopoguerra, l‘economia italiana sperimenterà due anni consecutivi di contrazione del prodotto”, si legge in una nota dell‘istituto di ricerca.

“L‘uscita dalla recessione sarà lenta. Per il triennio 2010-2011 le stime del Cer indicano un saggio di crescita medio dell‘1%. Ciò significa che occorrerà attendere il 2011 per riportare il Pil sui livelli del 2007”.

Il deterioramento delle condizioni economiche ha conseguenze sui saldi di finanza pubblica. Nelle valutazioni del Cer, il deficit delle pubbliche amministrazioni si dovrebbe attestare al 2,8% nel 2008, per salire nel 2009 al 3,5% del Pil e attestarsi al 2,7% nel 2010. Il deficit dovrebbe scendere al di sotto del 2% “solo a partire dal 2011”.

Il debito è visto in crescita al 104,4% del Pil nel 2008, al 106% nel 2009 e al 106,1% nel 2011.

Secondo il Cer, il debito pubblico “non manifesta alcuna tendenza a collocarsi sotto la soglia del 100%”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below