10 dicembre 2008 / 17:39 / 9 anni fa

Usa, accordo di massima su piano auto, prestiti per 14 mld

WASHINGTON (Reuters) - La Casa Bianca ha dichiarato oggi che l‘amministrazione Bush e i leader del Congresso Usa hanno raggiunto un buon accordo di massima sul piano di salvataggio per il settore automobilistico, pur sottolineando che il lavoro da fare è ancora molto.

Nel pomeriggio sono intanto stati diffusi dettagli sul progetto predisposto dai deputati democratici, che prevede 14 miliardi di dollari di fondi disponibili per i prestiti alle case autombilistiche e la nomina di un “zar” dell‘auto per supervisionare le operazioni di ristrutturazione.

Lo “zar” deve riportare al Congresso e può consigliare il fallimento nel caso di un insufficiente piano di ristrutturazione.

In cambio dei prestiti il governo riceverà dei warrant per potere ottenere azioni senza diritto di voto o titoli “preferred” per le società automobilistiche quotate.

Nel caso di Chrysler - non quotata al contrario di GM o Ford - il governo avrà un corrispettivo economico ai warrant nella società di private equity Cerberus o in qualunque altra società che controlla la quota di maggioranza di Chrysler.

I progetti di ristrutturazione dovranno inoltre essere sottomessi al trustee governativo entro il 31 marzo ma è possibile un‘estensione del termine.

La Casa bianca, per bocca del vice capo dello staff Joel Kaplan, pur dicendo che c’è ancora “molto lavoro da fare” e che si stanno mettendo a punto tutti i dettagli, ha precisato: “abbiamo fatto un passo avanti sostanziale e abbiamo raggiunto un buon accordo di massima da cui partire”.

Una doccia fredda è arrivata nel pomeriggio dal senatore repubblicano Richard Shelby, che ha parlato di voler rallentare il viaggio del piano di salvataggio e criticato anche il ruolo e le competenze dello “Zar”, parlando di un piano alternativo su cui starebbero lavorando i repubblicani.

L‘intervento del parlamentare del Gop non ha fatto bene ai titoli dell‘auto, che dopo un‘apertura in rialzo hanno ripiegato. Alle 19,20 italiane GM è sopra i minimi ma cala del 3% circa a 4,58 dollari (minimo a 4,35) mentre Ford cede 4% a 3,09 dollari dopo un minimo a 3,01.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below