2 dicembre 2008 / 08:34 / 9 anni fa

Alitalia, Scajola: nuova compagnia decolla dopo Natale

BRUXELLES (Reuters) - La nuova Alitalia partirà dopo Natale per evitare il passaggio della cloche durante un periodo di alto traffico.

<p>Due aerei Alitalia. REUTERS/Tony Gentile (ITALY)</p>

Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Claudio Scajola ai giornalisti entrando alla Commissione europea a Bruxelles, dove era fissato un incontro il ministro dell‘Economia Giulio Tremonti e la Commissaria che segue i fondi strutturali, Danuta Hubner.

Intanto il presidente dell‘Enac, Vito Riggio, ha annunciato che la nuova società manterrà il nome di Alitalia e avrà un operativo di circa 550 voli al giorno.

“L‘avvio della nuova Alitalia sarà dopo le vacanze di Natale per evitare il periodo più congestionato delle ferie natalizie. Da ieri sono partiti tutti gli effetti economici dell‘accordo e questo non è stato modificato”, ha detto Scajola.

“Non vedo un grosso problema se l‘operatività è dopo 10-15 giorni. Con tutti i problemi che ci sono stati questo è sicuramente il minore”, ha aggiunto.

Secondo Scajola, cioè che è importante è “il salto nella qualità del servizio che ci sarà e Alitalia tornerà ad avere un alto livello di servizio come quando era una grande compagnia”.

Ieri una nota del commissario di Alitalia Augusto Fantozzi ha confermato che il passaggio degli oneri per l‘attività della compagnia sono a partire da ieri e che il closing del trasferimento di beni e contratti avverrà il 12 dicembre.

RIGGIO: OPERATIVO SARA’ DI 550 VOLI AL GIORNO

Il presidente dell‘Enac ha detto che la nuova società avrà un operativo di circa 550 voli al giorno, pari a poco più della metà dei voli fatti fino all‘anno scorso dalle due compagnie aeree.

“Oggi Alitalia è al minimo del suo operativo con circa 200 voli al giorno [fino a gennaio 2008 operava circa 800 voli al giorno]. Ci hanno detto che nel periodo natalizio saliranno a 350 e che questa cifra sarà mantenuta anche dopo il periodo festivo”, ha detto Riggio in una conferenza stampa tenuta al termine dell‘incontro avuto oggi con Rocco Sabelli, l‘ad di Cai - società che rileverà le attività in bonis di Alitalia e AirOne -, e Augusto Fantozzi, commissario straordinario di Alitalia.

“Se si sommano gli attuali voli di AirOne che sono circa 200 si può avere una idea di quella che sarà la nuova Alitalia”, ha aggiunto Riggio.

Il presidente dell‘Enac ha anche detto che la Iata ha confermato il codice Az e che il nome della compagnia sarà sempre Alitalia.

Descrivendo l‘attuale stato della compagnia aerea Riggio ha detto che Alitalia “ripartirà da 90 macchine e poco più di 10.000 persone a cui poi si aggiungeranno quelle di AirOne per arrivare a circa 137 aerei e 12.500 dipendenti”.

Dai dipendenti Alitalia verranno circa 900 piloti, 2.250 assistenti di volo e poco meno di 8.000 dipendenti di terra.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below