1 dicembre 2008 / 07:22 / tra 9 anni

Tassa pay tv, SKy: da gennaio aumenti 10% Iva su clienti

ROMA (Reuters) - Sky annuncia che il raddoppio dell‘Iva per i canali tv a pagamento deciso dal governo si tradurrà da gennaio in un incremento delle imposte del 10% per i propri abbonati.

<p>Tassa pay tv, ad Sky a Corriere: possibili tagli a investimenti. In un'immagine di archivio personale di una tv al lavoro. . REUTERS/Claro Cortes IV</p>

“Sky ribadisce che il provvedimento approvato dal governo prevede un raddoppio dell‘Iva per le 4,7 milioni di famiglie che hanno liberamente scelto di abbonarsi ai nostri prodotti. Si tratta di un aumento delle imposte per gli abbonati e dunque, come qualsiasi aumento dell‘Iva, è integralmente a carico del consumatore”, si legge in una nota.

“Ciò significa che qualora questo provvedimento fosse confermato dal Parlamento, a partire dal primo gennaio ogni cliente di Sky registrerà un aumento delle imposte sul suo abbonamento pari al 10%”, precisa il comunicato.

Il decreto legge anticrisi varato dal governo venerdì scorso cancella la norma del 1995 che concede alle tv via satellite e via cavo di applicare sugli abbonamenti per i canali a pagamento l‘Iva ridotta al 10%, anziché al 20% come di consueto.

Stamani, in una intervista al Corriere della Sera, l‘Ad di Sky Italia Tom Mockridge ha detto che l‘aumento dell‘Iva per la pay tv è una tassa “che colpisce un quinto delle famiglie italiane proprio nel pieno di una crisi economica” e potrebbe significare per Sky un taglio agli investimenti.

“Possiamo parlare di un aggravio fiscale di circa 500 milioni [...] in una fase in cui tutti i governi del mondo stanno tagliando le tasse e aumentando le spese pubbliche per sostenere i consumatori, non ci aspettavamo sicuramente che io governo italiano andasse in senso opposto”, ha detto Mockridge nell‘intervista, preannunciando una campagna pubblicitaria per avvisare i propri abbonati dell‘aumento dell‘Iva.

“Mi sorprende semmai che il governo nel presentare il piano anticrisi non abbia voluto informare gli italiani della decisione di aumentare le tasse”, ha aggiunto, ipotizzando una riduzione degli investimenti se si ridurrà la platea degli abbonati.

Secondo la relazione tecnica al decreto, l‘aumento dell‘Iva porterà a un aumento di gettito di 214 milioni nel 2009 e di 270 milioni dal 2010 in avanti.

Ieri il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi aveva detto che la norma colpisce anche Mediaset, controllata dalla sua famiglia, che sta facendo partire una tv a pagamento.

L‘opposizione ha parlato sabato di un vero e proprio blitz dell‘esecutivo contro la principale concorrente di Mediaset.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below