15 novembre 2008 / 15:20 / tra 9 anni

Petrolio, Iran:membri OPEC hanno bisogno prezzo a 70-100 dollari

TEHERAN (Reuters) - I paesi dell‘Opec hanno bisogno che il prezzo del greggio salga all‘interno della forchetta 70-100 dollari al barile per riuscire a realizzare i propri progetti energetici e sono già in corso contatti con i produttori fuori dal cartello per ridurre la produzione. Lo ha detto oggi il rappresentante iraniano all‘Opec.

<p>Il ministro per il Petrolio iraniano Gholamhossein Nozari. REUTERS/Raheb Homavandi</p>

“Un prezzo tra i 70 e i 100 dollari è ciò che i membri (Opec) sono interessati ad avere per poter continuare le attività e gli investimenti quotidiani”, ha detto Mohammad Ali Khatibi in una intervista televisiva.

Il prezzo del greggio è sceso di oltre il 60% dal picco di luglio a 147 dollari al barile e quest‘ultimo veniva trattato ieri sotto i 60 dollari.

“Sono in corso negoziati tra paesi Opec e non Opec per abbassare l‘output di una certa misura, perché ... se loro aumentano la produzione, neutralizzano l‘azione dell‘Opec”, ha detto il responsabile petrolifero dell‘Iran, un paese considerato un “falco” all‘interno del cartello.

I paesi Opec hanno deciso in ottobre di ridurre le forniture di circa il 5%, ma la misura non è servita ad arrestare il declino del prezzo.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below