13 novembre 2008 / 07:41 / tra 9 anni

Germania entra in recessione, prospettive sconfortanti

<p>La bandiera tedesca. REUTERS/Vasily Fedosenko (Switzerland)</p>

BERLINO (Reuters) - La Germania è entrata in recessione nel terzo trimestre, quando il prodotto interno lordo è sceso dello 0,5%, e le prospettive per gli ultimi tre mesi dell‘anno sono sconfortanti.

La flessione destagionalizzata del Pil comunicata dall‘Ufficio statistico federale delude le attese degli economisti, che pronosticavano un calo limitato allo 0,2%, e dà adito alle richieste di un pacchetto governativo di stimolo all‘economia.

Dietro il calo del prodotto interno c’è il contributo negativo del commercio estero che ha più che compensato l‘aumento di consumi pubblici e privati.

Il dato del secondo trimestre è stato ritoccato a -0,4% dal precedente -0,5%.

L‘economia tedesca non registrava una fase di recessione, ovvero almeno due trimestri consecutivi di crescita negativa, dalla prima metà del 2003.

“Se pensi che i numeri di oggi siano brutti, aspetta quelli del prossimo trimestre”, commenta Crasten Brzeski di Ing. “I venti della crisi finanziaria e del rallentaento economico soffiano proprio contro l‘economia tedesca”, aggiunge.

Il vice ministro dell‘Economia Walther Otremba ha avvertito del rischio di una prosecuzione della contrazione. “Gli indicatori suggeriscono che la crescita negativa difficilmente si modificherà nel quarto trimestre”, ha detto. “Dovremo fronteggiare una crisi molto difficile e di lunga durata”.

A questo punto gli occhi sono puntati sul Pil della zona euro che sarà pubblicato domani. Un sondaggio elaborato da Reuters prima del dato tedesco di oggi prevedeva per il terzo trimestre una contrazione dello 0,2%, sancendo l‘ingresso in recessione per l‘Europa dei 15 nel suo complesso.

Su anno il Pil tedesco è risultato in crescita dell‘1,3% in termini non destagionalizzati, a fronte del 3,3% del trimestre a giugno. Corretta per i giorni lavorativi la variazione del Pil si attesta a 0,8% su anno nel trimestre, che ha visto un giorno lavorativo in più rispetto al 2007.

Gli economisti avevano previsto un‘espansione del Pil grezzo dell‘1,6% su anno.

Il dettaglio delle componenti verrà pubblicato il 25 novembre.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below