10 novembre 2008 / 14:32 / tra 9 anni

Tremonti: entro Natale misure Paesi Ue sostegno economia

MILANO (Reuters) - Prima di Natale tutti i singoli paesi europei adotteranno le misure necessarie a sostegno dell‘economia, anche l‘Italia farà la sua parte, rilanciando gli investimenti pubblici.

<p>Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. REUTERS/Tony Gentile (ITALY)</p>

Lo ha detto il ministro dell‘Economia Giulio Tremonti durante una sessione di domande/risposta dopo un pranzo della Fondazione Italia-Cina.

“Da qui a Natale tutti i paesi europei prenderanno i loro provvedimenti per aiutare l‘economia. Da lunedì scorso, infatti, dopo l‘Eurogruppo, i Paesi europei hanno numeri di crescita e di finanza pubblica condivisi. Questa è una base fondamentale per prendere decisioni. Non sarebbe stato nè saggio né corretto fare interventi [di aiuto all‘economia] prima di queste cifre” ha affermato il ministro.

Il riferimento è alle previsioni di autunno pubblicate dalla Commissione Ue lo scorso 3 novembre, che hanno indicato la prospettiva di una crescita pari a zero nel 2009 per Italia, Francia e Germania.

“Su quei numeri ogni paese [europeo] può fare interventi [a sostegno dell‘economia] e li farà in modo coordinato, sulla base della propria situazione di finanza privata e di finanza pubblica” ha spiegato Tremonti.

In particolre, per aiutare l‘economia in Italia “è fondamentale sbloccare la domanda pubblica”. “Lo faremo con una riunione straordinaria del Cipe, che sbloccherà gli investimenti pubblici, e con altri interventi che verranno annunciati dal premier”.

“La speranza che tutti abbiamo è di festeggiare la fine della crisi [finanziaria] con un brindisi con la grappa Pil” ha scherzato il ministro rispondendo a una domanda che veniva da una rappresentante della famiglia produttrice della grappa Nonino.

BEI E CDP NAZIONALI PER FINANZIARE INFRASTRUTTURE UE

Tremonti è tornato, poi, sulla sua proposta di finanziare infrastrutture a livello europeo emettendo bond targati Unione europea, attraverso la Banca europea per gli investimenti (Bei) e le casse depositi e prestiti presenti nei diversi paesi europei.

“L‘idea è di mettere in rete le Casse depositi e prestiti nazionali sotto l‘egida della Bei per costruire reti infrastrutturali e per l‘energia... la Commissione Ue e i governi europei stanno studiando questo piano” ha detto Tremonti.

“Emettere bond europei per fare investimenti nella Ue sarebbe un segno politico, un simbolo...” ha aggiunto il ministro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below