30 ottobre 2008 / 11:36 / 9 anni fa

Italia, Ref vede Pil negativo 2008-09, deficit/pil 2009 sopra 3%

MILANO (Reuters) - Ref rivede al ribasso le stime per la crescita italiana del 2008 e del 2009 portandole sotto lo zero, seguendo il trend del resto d‘Europa ma al livello più basso rispetto agli altri paesi. Visti in peggioramento anche i conti pubblici con un ritorno del deficit/pil sopra la soglia del 3% nel 2009.

“L‘Italia protrae la tendenza recessiva che ha già dominato il quadro del 2008” dice Ref nel suo rapporto ‘Congiuntura Ref’.

“Si aggrava quella che era già una situazione di difficoltà. Per conseguenza le nostre previsioni devono scontare una contrazione del prodotto sia nel 2008 che nel 2009. Si tratta di fenomeni di portata eccezionale, visto che la crisi si prospetta severa e considerato che l‘Italia non sperimentava due anni di contrazione del Pil, come adesso previsto, dalla seconda guerra mondiale (anni 1941-45)”.

Ref ha rivisto oggi al ribasso le sue stime per il Pil 2008 a -0,1% da +0,4% della stima di luglio e quello del 2009 a -0,8% da +0,8%. La prima stima per il 2010 vede una crescita limitata a un +0,6%.

In peggioramento anche i conti pubblici: Ref ha rivisto la sua stima per il deficit/pil 2008 a 2,6% da 2,1% e quella del 2009 a 3,1% da 1,7%, mentre vede nel 2010 un livello a 2,8%.

Unica nota moderatamente positiva è la revisione al ribasso del Cpi, a causa soprattutto nel netto calo dei prezzi delle materie prime.

Ref rivede al ribasso il Cpi 2008 a 3,4% da +3,6%, quello del 2009 a +2,0% da 2,8% e vede quello del 2010 a 1,9%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below