16 ottobre 2008 / 11:52 / 9 anni fa

Ue, Berlusconi: su scia Usa non scandalizza aiuto settore auto

<p>Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi con il preisdente della Camera Gianfranco Fini. REUTERS/Max Rossi</p>

BRUXELLES (Reuters) - Sulla scia di quanto già visto fare negli Stati Uniti, non ci sarebbe da scandalizzarsi se anche in Europa gli Stati intervenissero con un supporto alle industrie automobilistiche.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa al termine del Consiglio Europeo, aggiungendo anche ulteriori dettagli sulle decisioni sul clima i cui costi vanno ripartiti fra i vari Stati dell‘Unione in base alla loro popolazione.

“Quando gli Stati Uniti fanno interventi così massicci [in favore delle proprie aziende automobilistiche], anche da parte nostra non c’è da scandalizzzarsi se gli Stati possono dare supporto alle industrie automobilistiche”, ha detto Berlusconi senza citare specifiche aziende.

Per quel che riguarda il clima ed il taglio delle emissioni nocive entro il 2020, Berlusconi ha sottolineato che “i Paesi manifatturieri avrebbero un costo inaccettabile se essi stessi dovessero pagare queste misure. E’ invece logico che a pagare sia il singolo cittadino e che i costi siano ripartiti fra i vari Stati in base al numero dei cittadini che essi hanno. [Su questo] non c’è stato un solo obiettore ieri sera”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below