9 ottobre 2008 / 14:27 / 9 anni fa

Berlusconi: tenere azioni, problema Unicredit risolto

di Francesca Piscioneri

<p>Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. REUTERS/Remo Casilli</p>

ROMA (Reuters) - Il sistema bancario italiano è solido e l‘unico problema, che riguardava le perdite della filiale tedesca di Unicredit, è stato risolto con l‘aumento di capitale.

La rassicurazione è arrivata stamani dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, convinto che la Borsa italiana si riprenderà tra 18 e 24 mesi perché il valore reale delle aziende, tra queste Eni ed Enel, è sicuramente superiore a quello attuale.

“Le banche italiane non hanno sottoscritto prodotti tossici Usa. Unicredit è stata chiamata dalla Banca d‘Italia ad un immediato aumento di capitale con cui coprire le perdite della filiale tedesca. Il capitale è stato trovato sul mercato e questo unico problema che c‘era è stato risolto”, ha detto Berlusconi nella conferenza stampa congiunta con il premier romeno oggi a Villa Madama.

“Con il direttore generale della Banca d‘Italia stiamo passando in rassegna tutte le principali banche. Ove si verificasse che una di queste banche ha una patrimonializzazione insufficiente la chiameremmo ad aumentare il capitale”, ha aggiunto.

Sulle parole di Berlusconi il titolo Unicredit, già positivo di oltre il 4% in Borsa come gli altri bancari per il decreto legge a supporto delle banche e del risparmio del governo, ha allungato il passo e alle 15,32 guadagnava il 7,77% a 2,6350 euro.

La banca guidata da Alessandro Profumo ha superato l‘indice DJ Stoxx delle banche europee che alla stessa ora segnava un incremento del 3,47%.

NON PREOCCUPA BORSA MA EFFETTO CRISI SU ECONOMIA REALE

Berlusconi ha spiegato che il governo teme “i riflessi che la crisi può avere sull‘economia reale, non siamo preoccupati per l‘andamento delle Borse”.

Invitando i cittadini a non vendere i titoli acquistati, il premier ha detto che “tra 18-24 mesi avrete di nuovo una valutazione delle aziende” corrispondente alla realtà.

“Eni ed Enel sono aziende che funzionano e producono dividendi ma valgono meno del loro valore”, ha aggiunto.

Ieri sera il governo ha varato un decreto legge che prevede interventi che consentano a risparmiatori e banche di fronteggiare la crisi finanziaria in corso.

Senza prevedere interventi diretti, a significare che il sistema italiano ha una sua stabilità, il decreto stabilisce l‘istituzione di una salvaguardia dei risparmiatori e una misura per le banche in crisi. Il primo intervento è un fondo di garanzia di secondo livello dei conti correnti dei risparmiatori, cioè supporta con la garanzia dello Stato il fondo interbancario di assicurazione dei depositi fino a 103.000 euro. La seconda misura prevede l‘intervento diretto del Tesoro nella ricapitalizzazione delle banche che si trovassero a non rispettare più i ratio patrimoniali.

L‘ingresso del Tesoro nel capitale avverrebbe però con azioni senza diritto di voto, lasciando le banche alla gestione privata. Questa è la principale differenza dell‘intervento italiano rispetto a quelle che appaiono vere e proprie nazionalizzazioni, come negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

E Berlusconi anche oggi in conferenza stampa ha stressato il concetto di come i Paesi europei abbiano agito in modo differente in base alla gravità della situazione in atto. “Gran Bretagna, Danimarca, Olanda e Belgio hanno nazionalizzato. Noi non abbiamo bisogno di fare questo”, ha detto.

Certo, governo e banca centrale sono pronti a intervenire qualora ci dovessero essere istituti con problemi di capitalizzazione, ma “secondo Bankitalia non si vedono casi dove i sia questa possibilità”, assicura Berlusconi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below