9 ottobre 2008 / 11:48 / 9 anni fa

Fiat: prospettive a cda 23 ottobre, calo domanda drammatico

ROMA (Reuters) - Fiat, alle prese con un calo della domanda “drammatico” nel settore, discuterà di conti e delle prospettive del business in un importante consiglio, il 23 ottobre a Chicago.

<p>Il presidente di Fiat Luca Cordero di Montezemolo. REUTERS/Denis Balibouse</p>

Lo ha detto il presidente di Fiat, Luca Cordero di Montezemolo, a margine della conferenza stampa di presentazione dell‘accordo fra Nuovo trasporto viaggiatori (Ntv) e le ferrovie francesi Sncf.

Montezemolo ha anche confermato ancora una volta i target per il 2008.

Nella situazione attuale, “fare previsioni per domani... una persona seria non le fa, si figuri per il 2009”, ha detto il presidente Fiat rispondendo a chi chiedeva un‘indicazione sul futuro andamento del gruppo. “Noi parleremo dei numeri e delle prospettive in un importante cda il 23 ottobre a Chicago”.

“Posso ripetere che confermiamo dati e numeri del 2008 malgrado la crisi....Per il 2009 ne parleremo nelle sedi competenti”, ha detto Montezemolo.

Sulla cassa integrazione, “come ha detto Marchionne, siamo di fronte a un drammatico calo della domanda e purtroppo per adeguare la produzione al calo della domanda non c’è alternativa”, ha spiegato.

“E’ chiaro che la nostra speranza è che riprendano la domanda e i consumi perchè un‘azienda come la nostra, che ha prodotti competitivi e presenza sui mercati, non appena il vento cambia, ha tutte le condizioni per poter approfittare molto bene”, ha aggiunto.

Ieri Fiat ha annunciato nuova cassa integrazione, più ampia di quella decisa a luglio. A novembre le settimane di blocco a Mirafiori saranno due e non una (dal 3 al 16) e interesseranno 3.500 addetti. Unica linea a produrre sarà quella dove si realizza la Mi.To. Altri 1.200 addetti si fermeranno all‘Iveco Powertrain di Torino. A Melfi le linee si bloccheranno dal 13 al 26 ottobre e non dal 20 ottobre al 2 novembre come deciso a luglio. Raddoppio delle settimane di cassa di novembre anche per i 4.000 addetti di Cassino e per quelli di Termini Imerese. Rimane invece una la settimana di cassa a Pomigliano.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below