7 ottobre 2008 / 15:45 / tra 9 anni

Crisi banche, nuovi interventi pubblici nel mondo

(Reuters) - L‘Islanda ha proceduto oggi alla nazionalizzazione della seconda banca del paese, mentre la Russia ha annunciato un pacchetto per il salvataggio del sistema bancario.

Di seguito la sintesi degli interventi pubblici in tutto il mondo della sola giornata odierna in risposta all‘acuirsi della crisi creditizia.

ISLANDA - Il governo ha annunciato il ricorso a poteri straordinari per allontanare il management di Landsbanki, secondo istituto di credito per attività, e ha posto la banca sotto il controllo pubblico.

Nell‘intento di far fronte a una crisi che secondo il premier Haarde minaccia di portare il paese alla bancarotta, il governo avrebbe anche ottenuto da parte della Russia un prestito da 4 miliardi di euro, che il viceministro russo non è stato però in grado di confermare.

La banca centrale ha inoltre annunciato l‘ancoraggio della corona a un basket di valute ad un cambio pari a 131 corone contro euro, spiegando che la misura è finalizzata al funzionamento del mercato interbancario.

La valuta islandese ha visto negli ultimi giorni un rapido deprezzamento sul mercato dei cambi, vittima dei timori sulla solidità del sistema finanziario.

Rejkjavik ha già proceduto alla parziale nazionalizzazione di Glitnir, terza banca del paese, e approvato un nuovo pacchetto legislativo che aumenta significativamente il potere dell‘esecutivo in campo bancario.

GRAN BRETAGNA - Secondo una fonte vicina alla riunione, il governo ha incontrato ieri sera le principali banche del paese per discutere dell‘eventualità di un‘iniezione di fondi pubblici.

Secondo indiscrezioni stampa Royal Bank of Scotland, Lloyds TSB e Barclays necessiterebbero 15 miliardi di sterline (26 milioni di dollari) ciascuna.

RUSSIA - Il governo concederà alle principali banche del paese un prestito da 950 miliardi di rubli (37 miliardi di dollari) in finanziamenti subordinati. Lo ha annunciato il presidente Dmitry Medvedev dopo una riunione con i banchieri chiamata a discutere quella che chiama una “crisi finanziaria di ampia portata”.

Secondo il Cremlino la linea di credito potrebbe essere destinata fino a 500 miliardi a Sberbank, 200 miliardi all‘altro peso massimo tra le banche pubbliche VTB e il resto da suddividere tra gli istituti di minori dimensioni.

UNIONE EUROPEA - Si è chiuso con un documento perfettamente in linea a quello del G4 di sabato scorso il consiglio mensile Ecofin. I ventisette ministri finanziari Ue prenderanno qualsiasi misura a sostegno della stabilità del sistema bancario e a tutela dei risparmiatori. Gli interventi, compresa la ricapitalizzazione delle istituzioni in difficoltà, vanno decisi a livello nazionale e coordinati in sede Ue, devono infine essere tempestivi e in linea di principio temporanei.

AUSTRALIA - La banca centrale ha colto in contropiede gli investitori con il maggior taglio dei tassi degli ultimi sedici anni - una sforbiciata da un punto pieno che porta il tasso di riferimento a 6,0%.

Reserve Bank of Australia ha spiegato che la misura espansiva - il doppio di quanto i mercati attendessero - si è imposta di fronte al grave deterioramento delle prospettive sulla crescita globale accompagnato al rialzo del costo dei finanziamenti interbancari.

La mossa ha dato nuovamente adito a scommesse su un prossimo intervento coordinato da parte delle principali banche centrali.

FRANCIA - Il presidente Nicolas Sarkozy ha annunciato al consiglio dei Ministri che il paese è pronto a sostenere il sistema bancario acquistando se necessario una partecipazione nel capitale.

Secondo un portavoce del governo, Sarkozy ha informato i propri ministri del fatto che non permetterà il fallimento delle banche e della disponibilità ad aiutare gli istituti di credito in difficoltà “attraverso una partecipazione nel capitale”.

Il quotidiano finanziario giapponese ‘Nikkei’ scrive che Parigi ha formalmente proposto a Tokyo e agli altri paesi del G8 la convocazione di un vertice d‘emergenza dedicato alla crisi finanziaria.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below