29 settembre 2008 / 06:35 / 9 anni fa

Nikkei chiude in calo dell'1,2%, investitori cauti su piano Usa

TOKYO (Reuters) - Il Nikkei giapponese ha esteso le perdite nel finale, arrivando a cedere oltre l‘1% e cancellando i guadagni dell‘avvio: la cautela per l‘implementazione del piano di salvataggio, messo a punto dal governo americano per rimettere in piedi il disastrato settore finanziario, ha preso il sopravvento sul sollievo emerso nel momento in cui sembra più vicina l‘approvazione del piano stesso.

I bancari principali, come Sumitomo Mitsui Financial Group e Mizuho Financial Group, hanno lasciato sul terreno la maggior parte dei guadagni oppure hanno virato in negativo, mentre blue chip esportatrici come Toyota Motor Corp hanno risentito negativamente dei timori per le prospettive dell‘economia globale.

Il benchmark Nikkei ha chiuso in calo dell‘1,26% a 11.743,61, nonostante fosse arrivato a guadagnare oltre l‘1%. Il Topix ha perso lo 0,8% a 1.139,20.

Sotto pressione gli energetici con il petrolio che ha esteso le perdite sulla piazza asiatica: Mitsui & Co ha ceduto oltre l‘8% e Inpex Holdings circa il 6%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below