28 agosto 2008 / 07:28 / tra 9 anni

Alitalia, Angeletti a stampa: al massimo duemila esuberi

ROMA (Reuters) - Gli esuberi di Alitalia al massimo sono duemila e devono essere tutti ricollocati. Lo afferma Luigi Angeletti segretario generale della Uil in una intervista al Corriere della Sera.

<p>Immagine di una serie di manifesti politici su Alitalia. REUTERS/Chris Helgren (ITALY)</p>

Rispetto alle indicazioni di settemila esuberi, di cui si parla da giorni, Angeletti replica: “Sono al massimo duemila. E devono essere tutti ricollocati”.

Quanto alla solidità della cordata, ad Angeletti si fa notare che questa esiste solo perché fermamente voluta da Silvio Berlusconi, come ha detto ieri il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli.

“Alcuni credono fermamente nel progetto. Altri non hanno potuto dire di no”, ha detto riferendosi esplicitamente a Gilberto Benetton. “Mi pare che Gilberto Benetton lo abbia fatto capire...Ma è ovvio che Berlusconi ha esercitato una moral suasion”, ha detto il leader sindacale.

Il confronto con i sindacati sul tema degli esuberi di Alitalia è stato definito ieri da Matteoli come il “più delicato”. Il ministro ha evitato di dare indicazioni su quanti possano essere gli esuberi previsti dal piano di ristrutturazione della compagnia di bandiera.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below