18 agosto 2008 / 10:39 / 9 anni fa

Borsa Cina, indice perde 5,3%, tocca nuovo minimo 20 mesi

SHANGHAI (Reuters) - L‘indice della borsa cinese quotato a Shanghai è precipitato di oltre il 5%, chiudendo al minimo da 20 mesi. A provocare la caduta sono stati i timori che un rallentamento della crescita economica possa bloccare l‘espansione dei profitti societari.

Preoccupa inoltre la stima di un‘ulteriore diminuzione della crescita del Pil, prospettata da Lehman Brothers, e non riescono a rasserenare gli investitori le rassicurazioni dell‘autorità di sorveglianza cinese del mercato su maggiori controlli.

Lo Shanghai Composite Index ha chiuso in calo del 5,34%, a 2.319,868 punti, estendendo le perdite che continuano da oltre un anno: in sette giorni il ribasso è stato del 14,95%, mentre dal picco dell‘ottobre scorso l‘indice ha perso il 62%.

“Non c’è nessuna fiducia e manca quell‘iniezione di capitale capitale sul mercato necessaria per far pulizia di questo disordine”, commenta Zhang Qi, analista della Haitong Securities.

Sono scese anche le azioni legate al carbone, dopo che il governo cinese ha annunciato venerdì la volontà di aumentare le tasse sull‘export del coke e del carbone fossile per far fronte alla scarsità della materia prima.

Shenhua Energy, il più grande produttore cinese di carbone, ha perso il 5,2% a 26,79 yuan.

Anche l‘Aluminium Corp of China, il maggiore produttore cinese di alluminio, ha risentito della decisione governativa di aumentare le tasse sull‘export della lega di alluminio: il colosso ha perso l‘8,80% a 9,53 yuan.

In controtendenza si è mosso il produttore di treni South Locomotive, che dopo un balzo del 58% sul prezzo fissato per la quotazione in borsa, per chiudere il primo giorno di mercato a 3,45 yuan, in linea con le aspettative del mercato.

Anche questa notizia è stata accolta con scetticismo dagli analisti, pessimisti sullo stato del mercato cinese. I titoli di nuova quotazione, infatti, verrebbero infatti visti come scommesse a breve termine relativamente sicure, se confrontate con il declino del mercato. Il debutto di South Locomotive, inoltre, avrebbe tolto liquidità al resto delle azioni quotate.

Tuttavia il panico del mercato è concentrato sulla possibilità di una netta sospensione nella crescita dei guadagni societari il prossimo anno, a causa del rallentamento dell‘economia.

Lehman Brothers ha previsto che la crescita del Pil cinese cali, passando a 8% nel 2009 dal 9,5% del 2008 e dall‘11,9% del 2007.

L‘autorità di sorveglianza borsistica cinese ha affermato sabato di essere preoccupata sulla caduta a picco dei prezzi delle azioni e di avere intenzione di stabilizzare il mercato, attraverso misure sul trading e lock-up. Ma la dichiarazione non è bastata a rassicurare il mercato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below