10 settembre 2008 / 10:33 / tra 9 anni

Greggio in lieve rialzo su annuncio taglio produzione Opec

LONDRA (Reuters) - Il greggio è aumentato oggi a seguito della decisione a sorpresa dell‘Opec di diminuire la produzione dopo che il rallentamento della domanda degli Stati Uniti e di altri paesi grandi consumatori di greggio ha fatto calare i prezzi del 30% nei 2 mesi passati.

<p>Immagine d'archivio di un distributore di carburante. REUTERS/Mick Tsikas (AUSTRALIA)</p>

L‘Opec ha annunciato il ribasso dei propri obiettivi di produzione a 28,8 millioni di barili al giorno. Il presidente del cartello dei produttori Chakib Khelil ha dichiarato che, nei prossimi 40 giorni, intende ridurre effettivamente la produzione di circa 520.000 barili al giorno rispetto ai livelli di luglio.

“Siccome il mercato sta subendo un eccesso di offerta, la Conferenza ha deciso di rispettare i livelli di produzione fissati dal settembre 2007 (modificati per includere i nuovi membri Angola e Ecuador ed escludere Indonesia e Iraq), per un totale di 28,8 milioni di barili al giorno”, ha dichiarato l‘Opec in un comunicato ufficiale.

La maggior parte degli analisti si aspettava invece che la Conferenza mantenesse i target precedenti.

L‘aumento dei prezzi del greggio è stato tuttavia frenato dall‘annuncio che la International Energy Agency (IEA) ha abbassato la sua previsione per la domanda di greggio nel 2008 di 100.000 barili al giorno, a causa dell‘impatto di condizioni economiche più deboli e prezzi più elevati. La IEA ha anche abbassato le stime per la crescita della domanda nel 2009 di 40.000 barili al giorno a 890.000 barili al giorno.

Fonte di preoccupazioni è anche l‘uragano Ike, che ha fatto si che le piattaforme offshore di peetrolio e gas naturale del Golfo del Messico siano rimaste chiuse per la seconda settimana di fila.

Occhi puntati sui dati settimanali relativi Eia di prodotti petroliferi negli Usa, diffusi poco dopo le 16,30 di oggi, che consentiranno agli analisti di capire quale direzione prenderà il mercato.

Alle 12,10 circa il greggio Usa avanza di 11 cent scambiando a 103,37 dollari al barile, mentre il Brent guadagna 43 cent a 100,77 dollari al barile, dopo aver scambiato sotto i 100 dlr/barile ai minimi da aprile scorso.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below