7 agosto 2008 / 09:58 / 9 anni fa

Greggio, futures in rialzo su timori rifornimenti Turchia

LONDRA (Reuters) - I derivati sul greggio segnano una lieve ripresa dopo i minimi su tre mesi raggiunti ieri dai contratti sul Brent.

<p>REUTERS/Donna W. Carson</p>

Alle 11,15 il futures Nymex a settembre sale di 1,16 dollari a 119,74 dollari il barile, mentre l‘analoga scadenza sul Brent guadagna 1 dollaro e 15 centesimi a 118,15 dollari il barile.

A spingere al rialzo l‘oro nero è stata la rivendicazione dei separatisti turchi del Pkk dell‘esplosione all‘oleodotto turco di Baku-Tbilisi-Ceyhan, che ha fatto riemergere le paure sui rifornimenti di petrolio in Turchia, Nigeria e Iran.

Nella mattinata di oggi una fonte ha rivelato che le scorte nel magazzino di Ceyhan, in Turchia, si stanno esaurendo dopo il danneggiamento dell‘oleodotto. Bp ha aggiunto che i partner di Btc hanno fatto una dichiarazione di forza maggiore per le esportazioni, svincolandosi dagli obblighi previsti dal contratto.

La giornata di oggi si apre quindi su presupposti diversi da quelli di ieri, quando la pubblicazione da parte dell‘Agenzia internazionale per l‘energia (Eia) di dati sulle scorte settimanali del greggio Usa, superiori alle attese, aveva infuso una ventata di ottimismo sui mercati azionari, provocando il calo dei derivati.

Ieri sera i contratti sul Brent hanno toccato i minimi in tre mesi, a 116 dollari al barile, mentre quelli Usa erano stabili sui 117.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below