7 agosto 2008 / 07:02 / tra 9 anni

Borse Asia: indici misti, pesano timori finanziari

(Reuters) - Le piazze asiatiche hanno un andamento misto, con il calo del prezzo del greggio che non è riuscito a ridimensionare tra gli investitori il senso di depressione sull‘instabilità del settore finanziario e sul peggioramento dell‘outlook sulla crescita globale.

Alle 8,45 il greggio scambia sulla piazza americana sotto i 119 dollari al barile e sotto i 118 dollari sul Brent inglese, sulla scia del deterioramento delle aspettative della domanda di energia Usa. Anche le preoccupazioni per la fluttuante domanda della Cina, la cui economia negli ultimi dieci anni ha divorato risorse spingendo verso l‘alto il prezzo delle materie prime, hanno pesato sul prezzo del rame.

L‘oro è in lieve rialzo a 883,90/4,90 dollari l‘oncia, ma il suo prezzo rimane di oltre 100 dollari inferiore rispetto a un mese fa.

Il dollaro rispetto alla valuta giapponese viene scambiato a 109,58 yen, scivolato dal massimo dei sette mesi toccato ieri a 109,87 yen sul calo del greggio e sulle attese di un incoraggiamento da parte della Fed all‘economia Usa col mantenimento di tassi d‘interesse contenuti. Contro l‘euro il biglietto verde guadagna qualche punto, con la moneta europea che vale 1,546 dollari.

Intorno alle 8,40 l‘indice MSCI dell‘area Asia-Pacifico, che esclude il Giappone guadagna lo 0,13% a 409,23 punti, mentre il Nikkei ha chiuso in ribasso dello 0,98% a 13.124,99 punti.

A SEUL il Kospi ha chiuso in ribasso dello 0,93% per l‘andamento del settore finanziario, dopo che la Bank of Korea ha alzato i tassi di riferimento di 25 punti base al 5,25%, il suo massimo da sette anni e mezzo. La finanziaria Woori Finance Holdings ha chiuso in calo del 2,75%, mentre alcuni titoli del settore tecnologico hanno chiuso in rialzo grazie al calo del costo del greggio.

La piazza di HONG KONG è in territorio positivo, ma ha ridotto i suoi guadagni a causa del calo delle riserve di risorse e del prezzo delle materie prime, con anche le società di spedizioni marittime in ribasso. La borsa locale non è riuscita ad approfittare del rimbalzo di Wall Street di ieri, a causa di una forzata chiusura dovuta a una tempesta tropicale.

A SINGAPORE, sebbene la piazza sia in territorio positivo, sono in ribasso i titoli legati al settore finanziario, in particolare DBS Group e Overrsea-Chinese Banking Corp, del settore elettroncio come Venture Corp, e le società che si ruotano al settore dei trasporti via mare, a partire da Neptune Orient Lines e Cosco Corp (Singapore).

TAIWAN è piatta, con i finanziari come Cathay Financial in calo sulla scia delle preoccupazioni finanziarie, controbilanciati dalla positiva performance del settore elettronico, con il relativo indice in rialzo dello 0,75%. La produttrice di schede madre Asustek e la società di imballaggi di chip Siliconware salgono rispettivamente del 5,01% e del 4,76%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below