4 agosto 2008 / 09:42 / tra 9 anni

Greggio Usa, futures stabile sopra i 125 dollari su timore Iran

LONDRA (Reuters) - Sulla piazza europea le quotazioni del petrolio sono stabili sopra i 125 dollari al barile, appesantite dalle preoccupazioni sul programma nucleare iraniano e sulla tempesta tropicale che potrebbe danneggiare gli impianti petroliferi nel Golfo del Messico. A complicare la situazione continuano gli attacchi dei ribelli del Delta del Niger che rivendicano per le comunità locali maggiori proventi derivanti dall‘oro nero. E’ di ieri la notizia del rapimento di due francesi residenti a Port Harcourt da parte di uomini armati.

<p>Immagine d'archivio di un campione di greggio. REUTERS/Miraflores Palace/Handout (VENEZUELA)</p>

A far salire il prezzo del petrolio è specialmente la tensione con l‘Iran, secondo più grande produttore Opec con 4 milioni di barili al giorno, che ha rifiutato di sospendere il proprio programma nucleare nonostante le minacce di ulteriori sanzioni da parte delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti hanno detto di preferire una soluzione diplomatica, ma di non escludere l‘uso delle armi se le trattative dovessero fallire.

Intorno alle 11,30 il futures a settembre guadagna 0,5 dollari a 125,37 dollari il barile. Alla stessa ora l‘analogo contratto sul Brent londinese sale di 0,46 dollari a 124,64 dollari.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below