28 aprile 2008 / 11:21 / 10 anni fa

Italia, Ue conferma prossima chiusura procedura deficit

BRUXELLES (Reuters) - Alla luce dei risultati di bilancio dell‘anno scorso e delle attese per il biennio 2008-2009 verrà sospesa la procedura disciplinare per eccesso di deficit avviata dalla Commissione europea ormai a luglio del 2005.

<p>Bandiere riflesse in un edificio del Consiglio d'Europa a Bruxelles. REUTERS/Thierry Roge</p>

Lo conferma il commissario per gli Affari economici e monetari Joaquin Almunia nella conferenza stampa che segue la pubblicazione delle cosiddette ‘stime di primavera’, che indicano per l‘Italia un disavanzo pubblico pari quest‘anno a 2,3% del prodotto interno lordo e l‘anno prossimo a 2,4% dopo il brillante 1,9% del 2007.

“Proporremo l‘abrogazione delle procedure per deficit che restano nella zona euro - quella italiana e quella portoghese. Per l‘area euro si aprirà dunque un periodo in cui i conti pubblici risultano in ordine per la prima volta da... molti anni” spiega.

Decisamente meno rosee le previsioni sul bilancio francese, a parere del commissario quello nelle condizioni più a rischio tra i paesi dell‘unione monetaria.

“La situazione della Francia è la più preoccupante dell‘area euro in materia di deficit pubblico” dice.

Bruxelles ha in più occasioni annunciato negli ultimi mesi l‘intenzione di sospendere la procedura contro l‘Italia, che si chiuderà formalmente il 7 maggio prossimo con la pubblicazione del rapporto Ue sulla convergenza.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below