24 giugno 2008 / 07:05 / 9 anni fa

Borse Asia, indici appesantiti da timori greggio

<p>REUTERS/Stringer</p>

MILANO (Reuters) - Seduta in ribasso per le borse dell‘area Asia-Pacifico ad eccezione di Sidney, Pechino e Bombay, contrassegnate dal segno più.

A prevalere sono ancora le preoccupazioni per le quotazioni del greggio dopo i disordini in Nigeria e le tensioni in Medio Oriente, unite ai segnali di debolezza che provengono dall‘economia americana.

Volumi modesti in attesa della riunione di domani della Fed, che dovrebbe mantenere invariati i tassi di interesse.

Alle 9,00 l‘indice dell‘area Asia-Pacifico MSCI, esclusa Tokyo, è in calo dello 0,1%. L‘indice Nikkei del Giappone è sceso dello 0,06%.

Tra i ribassi della regione spicca quello di TAIWAN (-1,76%) che chiude ai minimi di quattro mesi zavorrata da Au Optronics (-5,24%) in coda a un downgrade di Merrill Lynch.

Termina in rosso SEUL (-0,28%) con Korea Exchange Bank, che però limita le perdite a -2% grazie a una sentenza favorevole del tribunale.

HONG KONG estende le perdite dell‘avvio per colpa di Foxconn. Il produttore di telefonini cede oltre il 5%, ai minimi di 2 anni e 1/2, sui timori innescati dalla perdita di quote di mercato del suo cliente Motorola.

Da segnalare il buon rimbalzo di SHANGAI che guadagna l‘1,47% con banche e immobiliari, mentre raffinatori di petrolio e titoli dell‘acciaio si muovono in rosso. Il più importante istituto finanziario cinese Industrial & Commercial Bank of China guadagna quasi il 2%. Baoshan Iron and Steel arretra di oltre sette punti.

Piatte SINGAPORE, SIDNEY e BOMBAY.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below