22 maggio 2008 / 09:20 / tra 10 anni

Contratti,Marcegaglia a sindacati:intesa in pochi mesi possibile

ROMA (Reuters) - Una intesa con i sindacati in pochi mesi sulla riforma contrattuale è possibile superando l‘antagonismo e gli atteggiamenti ideologici.

Lo ha detto il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, nel suo primo intervento all‘assemblea di Confindustria.

“Possiamo chiudere una lunga stagione di antagonismo, pensare in maniera nuova al confronto con i sindacati e il modello delle relazioni industriali. Oggi sono obsolete. Dopo quattro lunghi anni finalmente Cgil, Cisl e Uil hanno definito una posizione unitaria e questo rappresenta un punto di partenza importante. Non è una piattaforma ma una proposta per avviare una trattativa nuova, lontana dai riti in concludenti del passato”, ha detto Marcegaglia.

“Ai sindacati voglio dire: poniamoci davvero l‘obbiettivo comune, forti della nostra autonomia e del nostro ruolo di parti sociali, di raggiungere un‘intesa entro pochi mesi. E’ alla nostra portata. Se ci riusciremo scriveremo una pagina importante nella storia delle relazioni industriali e libereremo energie in favore dello sviluppo. Noi siamo pronti”, ha aggiunto

auspicando che “la riforma della contrattazione dovrà anche riguardare il pubblico impiego che ha inspiegabilmente ottenuto negli ultimi anni incrementi retributivi più che doppi rispetto al settore privato, senza alcun aumento di efficienza”.

Marcegaglia ha ribadito il proprio apprezzamento per la ritrovata unità del sindacato che ha consentito di definire un documento unitario sulla riforma dei contratti pur contestandone alcuni punti come la indicizzazione dei salari all‘inflazione che “ci porterebbe fuori dall‘Europa”.

“Le istituzioni politiche, economiche e sindacali, non si sono adeguate al mondo in cambiamento. Corporazioni agguerrite hanno impedito di sciogliere i nodi che ci soffocano”, ha aggiunto Marcegaglia spiegando che anche la Confindustria deve innovare la propria organizzazione.

E ai sindacati ha detto: “Sta al coraggio nei loro leader questa forza a favore del cambiamento. Chiediamo ai sindacati di cambiare in profondità per non condannarci ad una perdita forte di competitività e di benessere” superando le ideologie.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below