21 giugno 2008 / 08:51 / 9 anni fa

Greggio recupera dopo calo su rincaro carburante cinese

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni del greggio recuperano terreno in area 133 dollari al barile dopo aver perso quasi cinque dollari in reazione all‘inattesa decisione della Cina di aumentare il prezzo del carburante.

<p>REUTERS/Darren Whiteside</p>

Intorno alle 11,40, il futures sul greggio americano, che scade oggi, avanza di 87 centesimi a 132,8 dollari. Il derivato sul Brent londinese guadagna oltre un dollaro a 133,20 dollari.

La Cina, secondo consumatore mondiale di petrolio, ha alzato i prezzi della benzina e del diesel del 18% ieri, il primo rincaro in otto mesi: il governo, che calmiera il prezzo della benzina con sovvenzioni pubbliche, ha dovuto cedere di fronte ad un incremento del greggio di quasi 40 dollari dall‘ultimo rialzo di novembre.

“I mercati potrebbero andare avanti e indietro per un po’ in seguito all‘annuncio cinese. Da un lato, se l‘aumento dei prezzi al dettaglio potrebbe avere l‘effetto desiderato di ridurre la domanda, dall‘altro potrebbe anche dare slancio all‘offerta, che si sta riducendo in molte parti del paese”, ha scritto in una nota Edward Meir di MF Global.

La domanda di paesi come la Cina,l‘India e della regione del Medio Oriente viene considerata uno dei fattori dietro l‘impennata dei prezzi del petrolio che, dai 20 dollari al barile di sei anni fa, si sono moltiplicati di sette volte fino al record di quasi 140 dollari la settimana scorsa.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below