10 maggio 2008 / 14:32 / tra 10 anni

Italease, sorprese positive già da 2008 - Guidotti (Bper)

MODENA (Reuters) - Da Banca Italease arriveranno sorprese “estremamente positive” già a partire da quest‘anno.

Lo ha affermato nel corso dell‘assemblea di bilancio e per il rinnovo parziale del Cda, il direttore generale di Pop Emilia Romagna, Mimmo Guidotti, che è anche vicepresidente del consiglio di amministrazione di Italease.

“Credo che Italease si stia incamminando in un percorso assolutamente virtuoso e credo anche, senza tema di smentita, che ci sorprenderà in maniera estremamente positiva fin dal 2008 anche se il piano prevede un recupero a medie-lunghe scadenze”, ha detto Guidotti, precisando di non potere anticipare i dati sul primo trimestre dell‘istituto di leasing che saranno approvati dal Cda la prossima settimana.

Rispondendo alle critiche mosse da diversi soci relativamente agli errori della banca emiliana nel controllo della partecipazione in Italease, pari al 7,4% circa, Guidotti ha ricordato che Bper è in Italease dal 1968 e che “è stato un veicolo straordinario che la banca ha utilizzato per venti anni per essere al servizio della nostra clientela”, oltre ad essere una “fortissima alleata”.

Poi, ha proseguito Guidotti, “alcuni dirigenti dell‘azienda hanno perso completamente il lume della ragione e hanno messo in atto un‘associazione a delinquere per truffare i soldi alla propria azienda”.

Secondo il manager, molte delle critiche mosse a Italease sono “assolutamente non vere”, in quanto non tengono conto della storia dell‘azienda che, “per colpa di quattro persone infedeli e non corrette, improvvisamente è diventata un mezzo per attaccare il Cda della nostra banca senza guardare al passato”.

Guidotti si dice fiducioso che le autorità giudiziarie possano fare “definitiva chiarezza sul fatto che il cda non era in una posizione che consentisse loro di controllare la condotta truffaldina di questa dirigenza”.

Il direttore generale ha quindi sottolineato i benefici economici della partecipazione negli anni passati con una “redditività dell‘investimento dal 2000 al 2007 di oltre l‘11%”.

“A dicembre 2007 il valore di mercato della partecipazione era superiore di 3 milioni di euro rispetto al costo storico di bilancio. Negli esercizi dal 2001 al 2007 il gruppo ha incassato un monte dividendi erogato da Italease superiore a 9,5 milioni, oltre alle commissioni”, ha spiegato.

La caduta del titolo Italease a partire dal 2007 non ha avuto alcun impatto sul conto economico della banca ma solamente sulle riserve patrimoniali, la cui diminuzione ad oggi è di “soli 22 milioni, quasi dimezzata rispetto al 31/12”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below