9 giugno 2008 / 16:01 / 10 anni fa

Contratti, Cgil: governo rispetti autonomia parti sociali

ROMA (Reuters) - La Cgil è pronta a confrontarsi con Confindustria sulla riforma dei contratti senza pregiudizi ideologici e chiede al governo di rispettare l‘autonomia della parti sociali nella trattativa.

Lo ha stabilito la segreteria confederale riunitasi oggi alla vigilia dell‘incontro con Cisl e Uil e l‘associazione degli imprenditori con l‘obbiettivo di trovare un accordo per aggiornare l‘attuale modello contrattuale.

Secondo una nota della segreteria Cgil, dalle prime dichiarazioni dell‘esecutivo sia sui contratti che sulla riforma del pubblico impiego, “ciò che sembra prevalere da parte dell‘esecutivo in materia di relazioni sindacali è un attacco all‘accordo sul welfare del 23 luglio scorso, con interventi che già oggi rimettono in discussione importanti parti dello stesso; una intrusione nelle relazioni sindacali che intende indebolire l‘autonomia delle parti e creare difficoltà ai negoziati; una visione ideologica improntata ad indebolire i soggetti collettivi a favore di rapporti individuali”.

Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ha dichiarato nei giorni scorsi che il governo non rimarrà spettatore neutrale nella trattativa fra sindacati e Confindustria sul modello contrattuale. Sacconi ha poi annunciato l‘intenzione di modificare le norme approvate dal precedente governo in tema di sicurezza sul lavoro, durata dei contratti a termine, e regole sui contratti part time. Il ministro ha parlato di una ‘deregulation’ del mercato del lavoro.

Stamani il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, ha espresso la sua contrarietà alla possibilità di forme contrattuali individuali che prevalgano su quelle collettiva, dicendosi preoccupato dalla “unanimità di vedute tra lo schieramento di centrodestra e settori imprenditoriali” su questa ipotesi.

Sul fronte del pubblico impiego è slittato a mercoledì mattina l‘incontro previsto per domani con il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta.

Infine la Cgil reitera le critiche al pacchetto fiscale recentemente varato dal governo.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below