7 giugno 2008 / 10:19 / 10 anni fa

A2A, Zuccoli: fusione con Delmi nel cassetto, non ancora partita

MILANO (Reuters) - Il progetto di accorpare Delmi in A2A, propedeutico all‘accorciamento della catena di controllo di Edison è ancora nel cassetto e non è partito. L‘operazione originariamente prevista entro luglio potrebbe quindi slittare, anche alla luce della decisione presa dall‘assemblea della superutility lombarda di rinviare il piano di buyback.

“L‘accorpamento di Delmi era una delle tante cose fattibili all‘interno di un sistema di razionalizzazione ed è una dlele ipotesi sulle quali stiamo lavorando. Non è certamente un passaggio inevitabile. Comunque il progetto non è partito ed è ancora nel cassetto”, ha detto Giuliano Zuccoli, presidente del consiglio di gestione di A2A, a margine di un convegno sul nucleare.

I commenti di Zuccoli giungono a poco più di una settimana dall‘assemblea di A2A in cui il presidente del consiglio di sorveglianza della multiutility, Renzo Capra, disse che il CdS non ha mai discusso né esaminato il dossier Delmi.

Delmi è attualmente controllata al 51% da A2A, mentre Enia detiene il 15% e Dolomiti Energia e Sel possiedono un altro 10% a testa. Queste tre utility puntano a un patto che le vede concambiare il 35% di azioni Delmi con titoli A2A pari al 7-8% del capitale.

Delmi controlla a sua volta il 50% di Transalpina di Energia, mentre l‘altro 50% è in mano a Edf. TdE detiene il 61,3% di Foro Buonaparte.

L‘ipotesi più volte ribadita da Zuccoli dovrebbe prevedere la fusione Delmi in A2A, da realizzare entro l‘estate, attraverso un aumento di capitale, pagamento con azioni proprie o per cassa.

Tuttavia, proprio il rinvio del piano di riacquisto delle azioni proprie, proposto dal comune di Brescia, ha rappresentato il primo stop al progetto che, a questo punto, rischia di saltare, anche alla luce di quanto sta accadendo nel settore delle utility. Enia, Hera e Iride hanno da poco sottoscritto una lettera di intenti per realizzare una fusione entro l‘anno. E questo nuovo scenario potrebbe rallentare l‘accorciamento della catena di controllo di Foro Buonaparte.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below