July 30, 2020 / 12:33 PM / in 10 days

Mediobanca, utile giù 27% per impatto Covid, conferma target piano

MILANO (Reuters) - Mediobanca conferma tutti i target del piano al 2023 nonostante il calo del 27% degli utili dell’esercizio 2019-20, soprattutto a causa dell’impatto dell’emergenza COVID-19.

Logo Mediobanca davanti alla sede di Milano, Italia, 12 novembre 2019 REUTERS/Flavio Lo Scalzo

La banca ha deciso di non distribuire un dividendo per l’esercizio concluso a giugno per venire incontro alla richiesta della Bce di conservare capitale per meglio contrastare gli effetti della crisi.

Per effetto di questa decisione il CET1 a fine giugno è al 16,1%, tra i più alti in Europa.

Tuttavia Mediobanca vuole riprendere già nell’esercizio corrente la sua politica di remunerazione con un mix di dividendi cash e buyback “fissati anno per anno sulla base della ripresa e dell’andamento del titolo”, ha detto il Ceo Alberto Nagel in un briefing.

L’obiettivo per giugno 2023 del piano è di un Cet1 del 13,5% e questo lascia spazio anche a possibili acquisizioni.

“Restiamo sul nostro piano. Siamo convinti che da qui al 2023, seppur con una traiettoria diversa, arriveremo agli stessi risultati”, ha detto Nagel.

L’utile netto 2019-20 si è attestato a 600 milioni, contro attese degli analisti di 587 milioni, secondo un consensus compilato dalla banca.

I ricavi sono stabili a 2,5 miliardi grazie al trend positivo di margine di interesse e commissioni, entrambi in crescita del 3%, che ha controbilanciato il calo degli utili da tesoreria causato dalla volatilità dei mercati per il Covid.

Secondo Nagel la crisi attuale creerà opportunità interessanti di business per Mediobanca e a questo proposito la banca vuole giocare un ruolo di primo piano nell’advising e nell’attività di capital market in vista del probabile futuro consolidamento bancario italiano.

Mediobanca è stato ‘sole adviser’ di Intesa Sanpaolo nell’Opas conclusa con successo su Ubi Banca.

A proposito della possibile salita di Leonardo Del Vecchio al 20% e della nomina del nuovo board, Nagel si è limitato a dire che è “fiducioso” che il nuovo consiglio metta in atto la strategia annunciata a novembre con il piano al 2023 e confermata oggi.

Prima dell’assemblea di ottobre il board dovrebbe mettere a punto una proposta per adeguare lo statuto alle aspettative di mercato, ha poi aggiunto, riferendosi alla possibile introduzione della facoltà di nominare un Ceo che sia esterno alla banca.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below