July 30, 2020 / 12:28 PM / in 15 days

Eni taglia dividendo dopo perdita netta trim2 peggiore di sempre

ROMA (Reuters) - Eni taglia il dividendo e annuncia ulteriori riduzioni dei costi dopo aver registrato una perdita netta rettificata in quello che il gruppo descrive come il peggior trimestre della storia dell’industria petrolifera e del gas.

Logo Eni fotografato durante il Nigeria International Petroleum Summit ad Abuja, Nigeria 10 febbraio 2020 REUTERS/Afolabi Sotunde

Tutte le major dell’energia sono state duramente colpite dall’impatto della pandemia da coronavirus e dalle restrizioni per ridurne la diffusione, misure che hanno ridotto la domanda e indebolito le prospettive per i prezzi dell’energia.

Eni, che aveva già segnalato svalutazioni di asset nel periodo, ha registrato una perdita netta rettificata di 714 milioni di euro nel secondo trimestre, a fronte di un utile di 562 milioni un anno fa.

Alle 13,10 il titolo perde il 4,4%.

La società, che ha anche tagliato le stime sulla produzione per l’anno, ha detto di voler ridurre costi e investimenti per 8 miliardi nei prossimi quattro anni. Per il 2020 si tratta di tagli per 4 miliardi, circa 1,1 miliardi in più rispetto alle precedenti stime.

Il gruppo energetico ha introdotto una nuova politica dei dividendi legata al prezzo del Brent che offre un valore base di 0,36 euro per azione.

Se applicata allo scenario Brent adottato da Eni, e senza assumere per il momento alcun incremento del valore del dividendo base, la nuova politica di remunerazione comporta per cassa la distribuzione di un dividendo di 0,55, 0,47, 0,56 e 0,70 euro per azione negli anni dal 2020 al 2023.

A inizio 2020 Eni aveva detto che avrebbe pagato un dividendo di 0,89 euro per l’anno.

“Le previsioni per i prossimi due anni, l’impatto del COVID-19 e l’incertezza sulla domanda hanno creato la necessità di rivedere il dividendo”, ha detto l’amministratore delegato Claudio Descalzi.

Poiché molte aziende energetiche si sono indebitate per affrontare la pandemia e la contrazione del prezzo del petrolio, gli investitori, già prevedendo scarsi guadagni, si stanno concentrando sui piani di gestione per risparmiare cash.

Eni, il cui operating cash flow è sceso del 69% nel trimestre a 1,4 miliardi di euro, ha detto di avere una liquidità di 17,7 miliardi di euro, quattro volte il suo debito a breve termine.

“Noi ... avevamo ipotizzato che il dividendo annuale si sarebbe ridotto del 33% ... ma la società ha annunciato una politica dei dividendi più ribassista e complicata”, ha dichiarato il broker Redburn in una nota.

Descalzi, riconfermato in maggio per il terzo mandato, si è impegnato a febbraio a ridurre la produzione di petrolio e tagliare le emissioni di gas serra nell’ambito di un ambizioso piano di risanamento del settore.

Le nuove attività ‘green’ rappresenteranno il 17% degli investimenti nei prossimi quattro anni, rispetto al precedente 12%, e raggiungeranno il 26% nel 2023, ha annunciato ancora la società.

Eni prevede di ridurre la produzione di petrolio a partire dal 2025 e di garantire che il gas naturale rappresenti una quota maggiore della sua produzione complessiva.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia.

Redazione Roma

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below