July 24, 2020 / 9:21 AM / 15 days ago

Borsa Shanghai chiude in netto calo su crescenti tensioni Usa-Cina

Un uomo indossa la mascherina all'interno della sede della Borsa di Shanghai durante l'epidemia di coronavirus. Shanghai, Cina, 28 febbraio 2020. REUTERS/Aly Song

SHANGHAI (Reuters) - L’azionario cinese ha chiuso in ribasso e terminato la settimana con segno negativo sui timori degli investitori per le rinnovate tensioni tra Pechino e Washington dopo che la Cina ha ordinato agli Stati Uniti di chiudere il consolato di Chengdu.

L’indice blue-chip CSI300 ha ceduto il 4,4% a 4.505,59, mentre l’indice di Shanghai ha chiuso in calo del 3,9% a 3.196,77.

L’indice delle start-up tecnologiche ChiNext ha perso il 6,1%, mentre il neonato indice STAR 50 è crollato del 7%.

Il ministero degli Esteri cinese ha ordinato agli Stati Uniti di chiudere il consolato nella città di Chengdu, nel sud-ovest del Paese, in risposta alla richiesta di sgombero del consolato di Houston giunta nei scorsi giorni.

“Il calo del mercato è da ricondursi principalmente ai timori riguardo alle crescenti tensioni tra Cina e Stati Uniti”, ha detto Zhang Gang, analista di China Central Securities.

L’indice CSI SWS, punto di riferimento per il monitoraggio delle principali società finanziarie, è in testa alle perdite, con un calo del 6,4%. Nonostante la flessione registrata oggi, l’indice è in rialzo del 16% per il mese di luglio.

In controtendenza i titoli difensivi cinesi, che sono saliti sulle rinnovate tensioni tra le due maggiori economie mondiali.

L’indice Hang Seng di Hong Kong ha chiuso in ribasso del 2,2%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below