July 20, 2020 / 10:04 AM / 16 days ago

Greggio in ribasso su aumento casi virus, occhi su summit Ue per piano ripresa

Una pompa per l'estrazione del petrolio in un campo vicino a Calgary, Alberta, 21 luglio 2014 REUTERS/Todd Korol/File Photo

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio perdono terreno a causa del costante aumento di casi di coronavirus a livello mondiale, anche se gli investitori rimangono cautamente ottimisti, in attesa dell’esito delle trattative sul Recovery Fund Ue per stimolare le economie colpite dalla pandemia.

Intorno alle 11,25 italiane, i futures sul greggio scambiano in ribasso di 14 centesimi, o dello 0,32%, a 42,99 dollari il barile. I futures sul greggio Usa cedono 18 centesimi, o lo 0,44%, a 40,41 dollari il barile.

“Per il momento, i prezzi non dovrebbero produrre guadagni notevoli, finché non avremo segnali di un rallentamento della pandemia. E anche se in Europa il virus è stato contenuto, c’è ancora molta strada da fare per gli stati americani e asiatici”, ha detto Bjornar Tonhaugen, responsabile dei mercati del greggio per Rystad Energy.

Si contano oltre 14,5 milioni di casi di coronavirus e più di 604.000 vittime a livello mondiale, secondo il bilancio Reuters.

Gli investitori attendono segnali dal summit Ue, mentre i leader del blocco sono alla ricerca di un compromesso nelle trattative sul Recovery Fund proposto per stimolare le economie dal valore di 750 miliardi di euro.

Le importazioni giapponesi di petrolio a giugno sono diminuite del 14,7% su base annuale, secondo i dati ufficiali. La contrazione non è così pronunciata come -25% rilevato su base annuale a maggio.

Negli Stati Uniti, i trivellatori hanno diminuito il numero di impianti operativi in pozzi di gas naturale e petrolio, per l’undicesima settimana consecutiva, secondo i dati pubblicati venerdì scorso.

Le crescenti tensioni tra Cina e Usa aggiungono ulteriore pressione sui prezzi.

Il re dell’Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz, è stato ricoverato in ospedale per via di un’infiammazione della cistifellea. Il re, 84 anni, governa il maggior esportatore mondiale di greggio e alleato statunitense dal 2015.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below