April 23, 2020 / 11:00 AM / 3 months ago

Greggio sale su tensioni in Medio Oriente e tagli produzione

LONDRA (Reuters) - Il petrolio sale sulle crescenti tensioni in Medio Oriente e sui tagli alla produzione da parte dei Paesi produttori per fronteggiare l’eccesso di offerta, oltre che sull’annuncio di ulteriori misure di stimolo da parte del governo degli Stati Uniti allo scopo di arginare la ricaduta sull’economia della pandemia di coronavirus.

Una miniatura di una pompa petrolifera davanti a un logo Opec. REUTERS/Dado Ruvic/Illustration

Alle 11,45 ora italiana i futures sul Brent scambiano in rialzo dell’1,76, o dell’8,6%, a 22,13 dollari al barile. I futures sul greggio Usa guadagnano 1,74 dollari, o l’12,8%, a 15,56 dollari al barile.

I prezzi del petrolio sono saliti dopo che il presidente degli Stati Uniti ha annunciato di aver dato ordine alla Marina americana di sparare su qualsiasi nave iraniana l’avesse attaccata nel Golfo Persico, salvo aggiungere in seguito che non stava tentando di modificare le regole di ingaggio militare.

Anche i tagli da parte dei produttori hanno contribuito a sostenere i prezzi.

Oltre a un accordo su tagli record alla produzione, in vigore dall’1 maggio da parte dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei Paesi produttori alleati, gruppo noto come Opec+, i produttori stanno operando ulteriori riduzioni.

Anche altri produttori si sono impegnati a ridurre l’offerta. L’autorità di regolazione dell’Energia dell’Oklahoma ha affermato che le aziende possono chiudere i pozzi senza perdere i contratti di locazione. Lo stato è il quarto maggiore produttore di petrolio negli Stati Uniti.

Dai dati pubblicati ieri le scorte di greggio degli Stati Uniti sono aumentate di 15 milioni di barili nella settimana del 17 aprile arrivando a 518,6 milioni di barili, a un passo dal record storico di 535 milioni di barili stabilito nel 2017. 

L’annuncio da parte del governo statunitense di nuovi stimoli a sostegno delle imprese ha contribuito a migliorare il sentiment nei mercati globali.

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti prevede di approvare oggi una proposta di legge di aiuti del valore di circa 500 miliardi di dollari a sostegno delle piccole imprese e degli ospedali in difficoltà a causa dell’epidemia di coronavirus.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below