August 20, 2019 / 8:18 AM / 3 months ago

Cina riduce tassi con nuovo benchmark, attesi ulteriori tagli

SHANGHAI/PECHINO (Reuters) - La Cina ha ridotto il nuovo tasso di riferimento sui prestiti, come previsto, la prima mossa della banca centrale dopo la recente riforma dei tassi d’interesse mirante ad alleggerire gli oneri finanziari delle imprese.

Un uomo osserva il logo della Banca Popolare Cinese presso gli uffici nel distretto finanziario di Pechino . REUTERS/David Gray

Ma la modesta riduzione del rivisto Loan Prime Rate (Lpr), calcolato in base ai tassi forniti da un gruppo selezionato di banche, fa emergere la riluttanza degli istituti a ridurre i tassi sui prestiti. Questo alimenta aspettative che Pechino dovrà intraprendere nuovi passi per ridurre il costo del denaro in un’economia in difficoltà.

Il modesto taglio dei tassi d’interesse giunge dopo che la Banca Popolare Cinese ha reso l’Lpr il tasso benchmark per nuovi prestiti per privati e società, rimpiazzando il precedente benchmark, il tasso della banca centrale a un anno.

L’Lpr riflette invece i tassi che le banche applicano ai clienti migliori (‘prime’).

Il nuovo Lpr a un anno è stato fissato al 4,25%, 6 punti base sotto il precedente fixing di 4,31% e 10 punti sotto il precedente benchmark, appunto il tasso sui prestiti a un anno applicato dalla Banca Popolare Cinese.

“Anche se ciò dovrebbe indurre le banche a ridurre leggermente i loro tassi sui prestiti, l’impatto sull’attività economica sarà marginale”, ha scritto in una nota Julian Evans-Pritchard, Senior China Economist presso Capital Economics. “Un calo di una manciata di punti base è poca cosa”.

Secondo Evans-Pritchard la Banca Popolare Cinese deve intraprendere ulteriori manovre, inclusi dei tagli al tasso di liquidità a medio termine, se vuole continuare a ridurre l’Lpr per ridurre i costi di finanziamento per le banche.

Il nuovo tasso Lpr a 5 anni è quotato al 4,85%, al di sotto del tasso d’interesse di riferimento quinquennale di 4,90%.

PREVISIONE DI MERCATO

In base alla riforma, l’Lpr seguirà i cambiamenti nei tassi delle operazioni di finanziamento a medio termine (Mlf) della banca centrale, facendo sì che i tassi bancari siano più legati all’andamento del mercato.

I tassi Mlf normalmente sono visti come i tassi pagati dalle banche per finanziarsi e sono determinati dalla procedura d’asta nelle operazioni di mercato aperto della banca centrale.

Secondo gli analisti le riforme sono un chiaro tentativo di riduzione dei costi di finanziamento nella seconda potenza economica al mondo, sotto pressione per la prolungata guerra dei dazi e l’indebolimento della domanda interna.

Il nuovo meccanismo dovrebbe costringere le banche ad offrire prestiti con prezzi più vicini ai tassi di mercato, una mossa che potrebbe erodere i margini di profitto delle banche stesse.

Nonostante la crescita economica sia vicina ai minimi degli ultimi 30 anni, secondo gli analisti la Banca Popolare Cinese si è mostrata riluttante a un vero taglio tassi d’interesse per paura di un ulteriore aumento del debito e di una possibile bolla immobiliare. L’ultimo taglio del tasso sui prestiti a un anno risale al 2015. E in realtà i prestiti esistenti, mutui inclusi, sono ancora esclusi dal nuovo schema di tassi.

“A tutti gli effetti questa è una manovra di allentamento ‘in incognito’”, scrive in una nota Jefferies.

Alcuni operatori prevedono che la banca centrale ridurrà i tassi d’interesse a un anno sulle operazioni Mlf, cosa che farebbe scendere ulteriormente l’Lpr.

Una serie di prestiti Mlf annuali del valore di 149 miliardi di yuan (21 miliardi di dollari) dovrebbero maturare lunedì. In caso di rinnovo dei prestiti, la Banca Popolare Cinese potrebbe ridurre i relativi tassi.

Wen Bin, capo economista di Minsheng Bank a Pechino, prevede riduzioni dei tassi Mlf il prossimo mese, affermando che se la Federal Reserve ridurrà i tassi d’interesse il 18 settembre, la Banca Popolare Cinese probabilmente ridurrà il tasso Mlf di 15-20 punti base, portando di conseguenza a un calo dei tassi Lpr.

L’Lpr venne introdotto originalmente ad ottobre 2013 dalla Banca Popolare Cinese. In quanto tasso d’interesse che le banche commerciali applicano ai migliori clienti dovrebbe riflettere meglio la domanda di mercato per finanziamenti rispetto al tasso di riferimento fissato dalla Banca Popolare Cinese.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below