July 26, 2019 / 11:20 AM / 4 months ago

Borsa Milano prosegue debole, giù Eni e le banche, rimbalzano Stm, M. Tecnimont

MILANO, 26 luglio (Reuters) - Piazza Affari si muove in calo, nell’ultima seduta della settimana, in controtendenza rispetto all’andamento positivo degli altri mercati europei.

Un uomo cammina davanti all'entrata della Borsa di Milano. REUTERS/Paolo Bona (ITALY - Tags: BUSINESS)

Lo spread del rendimento fra i titoli decennali italiani e tedeschi è tornato a salire anche oggi a ridosso dei 200 punti.

“Siamo i peggiori d’Europa a causa del calo di Eni e anche delle banche penalizzate dall’effetto spread”, osserva un trader.

Banche vendute, con Unicredit in flessione dell’1,19%, Intesa Sp dello 0,7%. Bper in calo anche oggi (-0,9%), Banco Bpm perde l’1,2%.

Eni in flessione dello 0,7%, penalizzata dai risultati del secondo trimestre che indicano un utile netto adjusted ben sotto le attese del mercato. Equita rileva nel daily che “a livello di utili il tax rate è risultato straordinariamente alto. Inoltre la generazione di cassa è migliore delle attese e riteniamo che i risultati possano avere solo marginalmente effettivi negativi sul titolo”.

Rimbalza di circa il 6% Maire Tecnimont dopo il ribasso di ieri del 4% circa a seguito dei risultati del secondo trimestre più deboli delle attese. Kepler Cheuvreux ha tagliato il prezzo obiettivo sul titolo a 5,2 euro da 5,5 euro precedenti. Equita ha confermato le stime ma ritiene che “i target di Maire Tecnimont siano più sfidanti dopo lo sviluppo dei risultati del primo semestre”. Secondo il broker, tuttavia, “il titolo ci sembra già incorporare uno scenario negativo” considerando che i multipli a cui tratta sono ai minimi degli ultimi cinque anni.

Volatile Stm, ieri in calo del 2,8% dopo aver abbassato la guidance sulle vendite per l’intero anno, oggi rimbalza di una perentuale analoga. Deutsche Bank ha alzato il prezzo obiettivo a 22 euro da 20 euro.

In calo Mediaset (-0,9%) inchiodata a ridosso di quota 2,7 euro, ma lontana da 2,77 euro che rappresenta il prezzo del diritto di recesso dell’operazione Mfe. La società ha ridotto dell’1% le stime di raccolta pubblicitaria in Italia e del 2% in Spagna.

Pirelli in ribasso del 2,2% penalizzata dal ribasso di oltre il 3% di Michelin a Parigi.

All’Aim, debutto in calo del 5,5% di Radici Pietro Industries, società operante nel settore tessile e specializzata nella produzione di moquette ed erba sintetica di fascia alta e di lusso.

Sempre sull’Aim, Bio On segna un rimbalzo del 26,5% che si confronta con il calo del 69,76% registrato ieri. La società ha oggi reso noto che il presidente e AD Marco Astorri e il vice presidente Guy Cicognani, entrambi azionisti rilevanti, hanno acquistato delle azioni come segno di fiducia nel gruppo dopo che le accuse di un fondo Usa su presunte irregolarità contabili hanno fatto crollare il titolo.

La procura Bologna ha aperto un’inchiesta con l’ipotesi di aggiotaggio.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below