July 9, 2019 / 4:02 PM / 4 months ago

Borsa Milano negativa, giù Fineco, Mps, bene Erg, Falck, Mediaset verso prezzo recesso

MILANO, 9 luglio (Reuters) - La borsa di Milano chiude in calo, in un contesto europeo comunque cedente. Pesa sugli industriali la flessione della borsa di Francoforte, dopo il profit warning di Basf. “I volumi continuano a essere rarefatti e i temi molto pochi”, osserva un broker.

L'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Massimo Pinca

Bancari deboli, sempre penalizzati dal nuovo ribasso di Deutsche Bank, che oggi lascia sul terreno oltre il 4%.

Finecobank in calo dell’1,89%, sopra il prezzo di 9,85 euro per azione al quale Unicredit ha ceduto la sua partecipazione.

Unicredit reagisce con il segno positivo (+0,32%) all’ipotesi di riorganizzazione societaria e dopo la conclusione della vendita di Fineco, che porterà a un aumento dei ratio sul capitale.

MPS cede l’1,23%, dopo l’andamento contrastato di ieri, e dopo aver messo a segno un rialzo di oltre il 30% in poche sedute, su attese di de-risking.

Fermento sul settore delle rinnovabili dopo la firma del decreto per gli incentivi alle energie rinnovabili, annunciata dal ministero dell’Ambiente. ERG balza del 3,3% e Falck Renewables del 5,51%. Secondo Equita, “gli operatori hanno ora maggiore visibilità sui ritorni per gli impianti in pipeline e maggiori opzioni di sviluppo nei prossimi anni”.

Generali +0,3% dopo che Goldman Sachs ha alzato il giudizio a ‘neutral’ da ‘sell’.

Correggono i titoli legati all’andamento del greggio, Saipem -3,22%, Tenaris -0,96% e Maire Tecnimont il 3,45%.

In tensione Mediaset che cede lo 0,75% a 2,78 euro a un passo da quota 2,77 euro che rappresenta la soglia per esercitare il diritto di recesso da parte dei soci che non intendano partecipare al progetto di creare una holding olandese cui saranno confluite le attività tv in Italia e Spagna del Biscione nell’assemblea del prossimo 4 settembre. Se Vivendi lo dovesse esercitare sul 28,8% detenuto direttamente e indirettamente attraverso Simon Fiduciaria l’intera operazione salterebbe.

Pirelli cancella il rialzo messo a segno ieri con un calo del 2,5% dopo il report positivo di JP Morgan, appesantita da un indice europeo di settore a -2,7%.

Bene il settore delle utility con in testa A2A con una crescita dell’1% ed Iren del 2,22%.

Tra i titoli sottili strappa Giglio con un balzo del 14% dopo l’accordo per il conferimento di una parte della società alla spagnola Vertice 360.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below