June 19, 2019 / 8:53 AM / 5 months ago

Eni, attacco aereo a deposito in co-proprietà in Libia, 3 feriti

Il logo Eni. REUTERS/Max Rossi

TRIPOLI (Reuters) - Un deposito di proprietà della società libica Mellitah Oil & Gas, joint-venture tra Eni e la National Oil Corporation (NOC), è stato danneggiato da un attacco aereo avvenuto nella notte tra ieri e oggi che ha ferito tre lavoratori, informa una nota della società petrolifera statale.

“Siamo testimoni della distruzione di impianti della società davanti ai nostri occhi”, ha commentato dopo l’incidente il presidente di NOC Musrafa Sanalla.

E’ la prima volta che viene confermato un attacco a un impianto petrolifero straniero da quando le forze orientali di Khalifa Haftar hanno avviato una campagna via terra e via aerea per prendere il controllo della capitale Tripoli, in mano al governo riconosciuto a livello internazionale.

NOC ha spiegato che “le perdite materiali” sono significative ma non ha specificato che cosa ci fosse all’interno del deposito di Tajoura, un sobborgo a est di Tripoli dove sono presenti diversi avamposti militari.

Mellitah esporta petrolio e gas da un porto che dista circa 100 km a ovest di Tripoli vicino al confine con la Tunisia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below